Ernia del disco l3 l4

Salve sono un ragazzo di 34 anni già operato due volte alla schiena l4/l5 è in seguito stabilizzazione con barre e viti nella stessa sede,primo intervento 2010,secondo 2012!tutto bene fino a qualche mese fa,faccio risonanza normale e sotto carico il referto dice:significativa protrusione ad ampio raggio asimmetrica destra in l3l4 improntante il sacco durale e con impegno del forame di coniugazione dx e tendente alla migrazione caudale!dunque ora i miei fastidi da un mese sono dolore fianco dx parte laterale coscia e stinco,non riposo la notte e mi devo alzare x camminare poi riesco a stare solo pancia in giù,e pochi minuti pancia in su!ora il mio dottore che precedentemente mi ha operato dice che bisogna asportarla e stabilizzare,a qst punto mi chiedo e chiedo a voi:è la saluzione giusta?c’e’ un’altro metodo da applicare in qst casi?sono un po’ confuso,ho fatto fisioterapia tekar ecc ecc ma senza risultato,cosa mi consigliate di fare?potrei mandarvi anche tutte le immagini che ho a disposizione fatemi sapere grazie!
[#1]
Dr. Vincenzo Della Corte Neurochirurgo 5,9k 200 2
Forse a stabilizzare con le usuali protesi metalliche si rischia di dover correre ai vari livelli (quello immediatamente sopra e sotto tendono a risentire negativamente del primo trattamento, specie se si mettono le gabbiette in sede intersomatica).
Se vi è una sintomatologia correlata alla protrusione a 3-4, penserei ad una discectomia mininvasiva (legga, se ha piacere, gli articoli che ho scritto sull'argomento nella mia pagina personale di questo sito).
In tale circostanza si potrà, se opportuno, eseguire un'artrodesi intersomatica, con effetto stabilizzante, utilizzando non materiale metallico, ma materiale riassorbibile.
Cordialità.

Dr. Della Corte: vincenzodellacortemi@libero.it
Case di Cura: "La Madonnina Milano-02/58395555
"Villa Mafalda" ROMA-06/86094294

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa