Utente
buongiorno dottori,
riporto qui di seguito l'esito di una RMN lombosacrale appena eseguita.
premetto che sono un ragazzo di 23 anni.sintesi quadro clinico:
-difetti posturale da accorciamento dello psoas sinistro trascurato per anni.
- problematiche muscolari all'anca sinistra in apertura e quindi problemi di deambulazione
- dolore anale, pelvico cronico, che emerge in posizione eretta
-difficolta a stare in posizione eretta per piu di 15 minuti con dolori sino al tallone, sempre sinistro
-esami obiettivi svolti da ortopedico per problemi articolari ossei all'anca negativi, lo stesso vale per manovre di coinvolgimento nervo sciatico.


referto rmn.
conservato il fisiologico allineamento dei metameri lombari sul piano sagittale.
il canale vertebrale è di normale ampiezza.
in D11-D12 il disco presenta alterazione di segnale di natura degenerativa.
in L4-L5 focale debordanza discale postero-mediana tuttavia in assenza di significative impronte sul sacco durale
piuttosto robusto il plesso venoso epidurale
il sacco durale, studiato anche in mielo RM, non riceve impronte anomale e-o critiche compressioni
il cono midollare in sede, con segnale conservato
regolare la cauda.

è stata eseguita anche RMN bacino con risultati nella norma


ora voreei se possibile avere qualche delucidazione riguardo al referto, specialmente in relazione all'alterazione di segnale.
spero in un vostro suggerimento sul percorso da seguire, considerando che sin'ora nn ho avuto nessuna indicazione esaustiva.
grazie

[#1]  
Dr. Antonio Zingale

24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Trattasi di una discopatia allo stato iniziale , che si sta manifestando precocemente rispetto rispetto alla media. Allo stato non vi sono indicazioni a trattamento chirurgico
Dr. Antonio Zingale

[#2] dopo  
Utente
diciamo quindi che in D11-D12 si tratta di una "pre-ernia" o sbaglio? per quanto riguarda invece la situazione in L4-L5?
inoltre cosa puo implicare il fatto di avere il plesso venoso epidurale piuttosto robusto?
grazie

[#3]  
Dr. Antonio Zingale

24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Non proprio. La degenerazione del nucleo polposo porta alla scomparsa del disco (disco nero alla RM) anche senza erniazione con conseguente perdita della funzione di ammortizzatore tra le vertebra. Per quanto concerne il secondo non si può dire che esso rappresenti una situazione patologica.
Dr. Antonio Zingale

[#4] dopo  
Utente
quindi mi sembra di capire che non si possa evitare che ciò avvenga? da cosa può essere causato e coinvolgerà anche altri dischi?che prospettive mi si pongono?

[#5] dopo  
Utente
dimenticavo un'aultima domanda, è opportuno chiedere al medico curante di eseguire rmn anche della colonna cervicale e toracica considerato il fatto che risultano dolorosi alcuni punti anche in quel tratto, in modo da potermi rivolgere poi a uno specialista con un' indagine completa della colonna?
grazie

[#6] dopo  
Utente
aggiornamento:
un'altra interpretazione della patologia in atto in D11-D12 datami è:nodulazioni discali intraspongiose delle limitanti contrapposte a livello T11-12 con minimo alone di edema osseo perilesionale

di cosa si tratta, o meglio a che specialista devo rivolgermi?

[#7]  
Dr. Antonio Zingale

24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Trattasi di ernia discale dentro il corpo vertebrale. Se sintomatiche (=dolore spinale a quel livello) con conferma RM con particolari sequenze possono essere trattate.
Dr. Antonio Zingale

[#8] dopo  
Utente
se possibile vorrei un ultimo chiarimento, le nodulazioni discali intraspongiose di cui si parla hanno qualcosa a che fare con i noduli di Schmorl? cosa caratterizza a livello di immagine diagnostica queste nodulazioni discali intraspongiose?
grazie

[#9]  
Dr. Antonio Zingale

24% attività
0% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Si.
Dr. Antonio Zingale

[#10] dopo  
Utente
salve,
sono stato visitato da un neurochirurgo, il quale ha confermato lo stato degenerativo del disco d11-d12.
non è stato purtroppo per nulla chiaro ne su precauzioni da prendere, ne sulla possibilità di decorso della problematica.
chiedo a voi gentilmente alcune indicazioni per tranquillizzarmi e capire come affrontare la questione
grazie