Utente 270XXX
Salve, sono tre giorni che avverto un lieve ma continuo formicolio all'alluce e all'illice del piede sinistro, nella parte inferiore degli stessi, falange distale, il primo, e distale e intermedia, il secondo.

Ho letto, in rete, che le cause possono essere molteplici e, alcune di questi, risultano essere preoccupanti.

Prima di andare da uno specialista, mi piacerebbe sapere a cosa potrebbe essere dovuto questo fastidio e, inoltre, a chi rivolgermi qualora esso dovesse persistere.

Grazie anticipatamente

[#1] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Prenota una visita specialistica
Come ha detto lei stessa, le cause possono essere molteplici, tra cui molte banali, come ad esempio una compressione locale dovuta alle scarpe o a una deambulazione errata. Se i sintomi persistono potrebbe essere utile una visita neurologica e magari un'elettroneurografia con studio dei nervi del piede.
Se non ha mai notato sintomi a carico degli altri arti è più probabile che la causa sia locale comunque, pertanto potrebbe tranquillizzarsi sulle cause "gravi".
Dr. Stefano Vollaro

[#2] dopo  
Utente 270XXX

Esimio Dott. Vollaro, anzitutto grazie per la celere risposta e, soprattutto, per l'avermi tranquillizzato.

Oggi è il quinto giorno da quando il fenomeno è iniziato però, da ieri, il formicolio è diminuito sensibilmente mentre la sensazione di torpore persiste.

Dopo quanti giorni sarebbe opportuno contattare il neurologo?


[#3] dopo  
Dr. Stefano Vollaro

24% attività
4% attualità
12% socialità
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
Tenendo conto del fatto che ci sarà qualche giorno di attesa tra la prenotazione e il giorno della visita, intanto potrebbe già prendere un appuntamento. Nell'attesa, cerchi di non portare scarpe che stringano il piede e stia a riposo 1-2 giorni: se il disturbo migliora, ciò rappresenterà un criterio diagnostico. Nel frattempo può anche chiedere un parere del medico di base, che avrà la possibilità di visitarla direttamente.
Dr. Stefano Vollaro