Utente 508XXX
Buongiorno dottori sono una ragazza di 31 anni un Po ansiosa e ogni tanto mi capita di avvertire tremolio alla palpebra superiore dell' occhio destro. . come un piccolo spasmo involontario. . di pochi istanti.. Dipende dai periodi..
Ma oggi per la prima. volta ho avvertito un tremolio un Po più grande sotto la rima dell' occhio sinistro.. tipo sull' occhiaia. . come in quella zona ci fosse stato uno spasmo involontario di pochissimo secondi. Mo sono un Po spaventata..
Secondo voi sono cose di poco conto a livello muscolare o sintomi di qualcosa al cervello di più serio? Tipo paresi ecc?

Premetto che a gennaio 2017 feci tac e risonanza al cervello con esiti negativi. . mi era capitato di avvertire parestesia lieve al braccio sinistro ma poi con le visite avevano escluso cause organiche e attribuito il sintomo ad ansia e tensioni muscolari.

Cordialità

[#1]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile paziente,
il fenomeno che lei descrive nel suo resoconto anamnestico si definisce mioclono palpebrale o miochimia, ed è un fenomeno generalmente passeggero e molto spesso associato ad uso eccessivo di caffeina oppure a protratti stati di tensione da stress. Qualora non tenda a regressione spontanea, è indicato rivolgersi ad uno Specialista Neurologo per la valutazione del caso.
Cordialmente
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#2] dopo  
Utente 508XXX

Va bene dottore. La ringrazio molto . Effettivamente sono diversi anni che ce le ho ma non sempre ..in base a periodi ..e le avevo avvertite qualche volta anche prima di fare le visite neurologiche , negative.

Ne approfitto per chiederle un altra cosa . Mio nonna materna all' età di 40 anni di operata di aneurisma cerebrale ed ora sta bene . Dato che mi hanno detto che è congenita ed ereditaria mia madre lo scorso anno fece risonanza per vedere se ce l aveva e non hanno trovato nulla . Io ho fatto una tac all' età di 16 anni e una tac e risonanza magnetica lo era di 29 anni ( 2 anni fa ) con esiti negativi .
La domanda è: che probabilità ho di avere l aneurisma data la situazione famigliare ?
Gli esami che ho fatto ne escludono la presenza perché congenita oppure può presentarsi e vedersi dagli esami anche dopo ?

Cordialità

[#3]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
L'occorrenza di un aneurisma congenito è evenienza rarissima (ancor di più la sua incidenza ereditaria) ed è una condizione quasi sempre acquisita.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#4] dopo  
Utente 508XXX

Capisco dottore, ci sono dei comportamenti che possono evitare la sua formazione ?

Volevo poi farle un ultima domanda , in questi ultimi mesi ho sentito di alcuni casi di giovani ragazze morte per meningite fulminante .. volevo chiederle se secondo lei gli è stata trasmessa da qualcuno e in che modo o se si può sviluppare da sola dentro di noi ..le cause.. e se ci sono categorie più a rischio rispetto ad altre.

Cordialità

[#5] dopo  
Utente 508XXX

Buonasera dottore, non so se è giusto chiedere a lei ma ci provo perche sono un po preoccupata .
sono una ragazza di 31 anni, abbastanza dinamica e sportiva ma soffro un Po di ansia con fenomeni di somatizzazione come gia le dicevo .
Da qualche anno soffro spesso di cervicalgia, ma soprattitto di muscoli contratti e infiammati alle spalle.. quando faccio le sedute dal fisioterapista mi dice che ho parecchi blocchi anche sulla schiena. Due anni fa mi si anestetizzò anche il braccio sinistro.. feci tutte le visite ma dissero muscoli contratti. Qualche mese fa mi successe dolore lombare parte sinistra, tipo stiramento.. che dopo un paio di settimane andò via. . settimana scorsa dolore alla spalla sinistra con muscolo deltoide gonfio.. ora dopo due massaggi sto meglio ma ho ancora il braccio un anestetizzato.. la notte mi capita spesso che mi si addormenta una gamba o un braccio. . poi passa se lo muovo. A giugno ho fatto una RX al rachide cervicale ma non è emerso nulla da quello. La. domanda è: dato che ogni tanto mi vengono fuori questi fastidi e a parte cervicalgia ho notato che vengono sempre alla parte sinistra il mio dubbio era se avessi qualcosa di più grave che mi preme su qualche muscolo o nervo e mi provoca ogni tanto questi dolori o qualche problema alla spina dorsale e che esami posso fare per stare tranquilla o se più semplicemente sono solo dolori muscolari innoqui. Sono un Po preoccupata però da una parte penso che se fosse qualcosa di grave avrebbe un decorso crescente credo nel tempo e non a periodi. Lei cosa pensa dottore? Grazie e cordiali saluti

[#6]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La domanda che lei mi pone entra nel pieno dominio della mia competenza professionale per cui ritengo di risponderle che dalla sua descrizione, francamente, credo che l’elemento eziologico fondamentale sia rappresentato dal suo stato di tensione psichica che si riverbera in uno stato di tensione della muscolatura assiale, con particolare accentuazione a carico dei muscoli posteriori del collo e segnatamente del trapezio. Questo grosso muscolo si inserisce sull’occipite e sulle spalle, per cui un suo indolenzimento da protratta contrattura si avverte sia al collo che alle spalle. A voler approfondire sotto il profilo diagnostico, l’esame più indicato è la Risonanza Magnetica del rachide cervicale. Ad ogni modo, se vuole avere ulteriori ragguagli sull’argomento, può leggere il mio articolo di cui le accludo il link.
Cordialmente
https://www.medicitalia.it/salute/neurologia/202-cervicalgia.html
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#7] dopo  
Utente 508XXX

Grazie infinite per la sua celere ed esaustiva risposta dottore .. credo anch io sia dovuto ad uno stato tensivo ma ho anche paura che possa esserci qualcosa di piu grave che comprime i nervi e mi provoca tutto questo . A tal proposito farò casomai la risonanza.
Lei quindi pensa che quando la notte mi si addormenta una gamba o un braccio può essere sempre dovuto a questo?
Ci potrebbe anche essere l ipotesi di tumori cervicali , sarcomi o simili ?


Grazie

[#8] dopo  
Utente 508XXX

Dimenticavo di aggiungere che ultimamente mi capita di avvertire anche ogni tanto ( poche volte) una specie di scappamento di orecchia sinistra .. come se mi uscisse una bolla o si scoppiasse cone sensazione, è volevo chiedere se potrebbe essere correlato o è sintomo di altro .
Per concludere volevo anche chiederle se queste contratture possono causare delle ischemia dato che potrebbero premere su un arteria.. e come posso evitarlo.. sono un Po preoccupata.

Grazie
Cordialità

[#9] dopo  
Utente 508XXX

Buongiorno dottore
Riguardo le mie domande precedenti volevo aggiungere che il dolore si ripresenta più o meno acuto in base a momento della giornata .. è più insopportabile la notte quando mi muovo.. oggi è ancora presente e sembra appunto riguardare il trapezio e la parte cervicale bassa .
Mi tira molto quando mi muovo.. ma sono preoccupata perché anche se più o meno intenso in base ai giorni ormai sono 2 settimane che è presente . Ho paura ci possa essere qualcosa di grave che lo provoca.
Per lei dottore è normale che possa durare così tanto a causa forse di infiammazione ? Cosa posso fare per curarlo ?

Grazie

[#10]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Cara Paziente,
metta da parte le sue fantasiose interpretazioni sull'origine delle ischemie, La prego....
Segua il consiglio che già le ho dato: esegua una RM del tratto cervicale e mi riferisca pure l'esito.
Cordiali saluti
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#11] dopo  
Utente 508XXX

Va bene dottore .
Volevo dirle che a giugno ho eseguito una RX del rachide cervicale che non ha evidenziato nulla di anomalo .
Immagino che però si veda ben poco a differenza di una risonanza per quanto riguarda quello che potrebbe interessare il mio caso , è corretto?
Cordialità

[#12] dopo  
Utente 508XXX

Volevo infine anche chiederle se il fatto che quando prendo l antoffiamatori per via orale si attenua molto il dolore per diverse ore è un segno positivo che mi fa pensare che possa essere davvero solo infiammazione / contrattura e non qualcosa di più grave come ernie, sarcomi ecc ..
È corretto ?
Grazie

[#13]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Inutile continuare a chiedere conferme anticipatorie: esegua l'esame e se vuole riferisca l'esito.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it

[#14] dopo  
Utente 508XXX

Buonasera dottore
Volevo farle una domanda in merito agli aneurismi.
Ho sentito che dalle mie parti un ragazzo di 33 anni è morto probabilmente per un aneurisma. È possibile in ragazzi così giovani ? Si può prevenire in qualche modo ? Facendo dei controlli particolari o evitando fattori di rischio? Dalla tac si vede se è presente e se si per quanto tempo poi si può stare tranquilli che non si formi ?

Grazie .cordialità

[#15]  
Dr. Mauro Colangelo

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
FRATTAMAGGIORE (NA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gli aneurismi cerebrali, tranne rare eccezioni in cui sono congeniti, si formano su base degenerativa e comunque sono clinicamente silenti sino a quando non si rompono. Tranne i casi di aneurismi giganti, alla TAC non sono visibili. I fattori di rischio sono quelli che attengono alla patologia degenerativa vascolare.
Dott. Mauro Colangelo, Neurochirurgo/Neurologo
maurocolang@gmail.com
www.colangeloneurologo.it