Utente 982XXX
Età:48

Durante una panoramica dentaria hanno avuto modo di rilevare alla radice del dente una "pallina".
Mi hanno consigliato di fare una TAC, ma prima il mio dentista curante ha preferito constatare di persona quale realmente poteva essere il problema, ha parlato di CEMENTOMA, a detta sua sembra una rara malattia a livello mondiale.
Ho consultato enciclopedie ma non ho trovato niente a riguardo.
Se qualcuno sa di cosa parlo sarei grata di ricevere notizie in merito.

Grazie Laura

[#1] dopo  
Dr. Roberto Crenna

20% attività
0% attualità
0% socialità
PARABIAGO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2000
Non mi preoccuperei più di tanto. Il cementoma è una formazione benigna che non ha conseguenze avverse.
Comunque è bene seguire l'evoluzione radiografica nel tempo.
Se nel giro di circa 2 anni non vi sarà , a livello radiografico, aumento significativo non se ne preoccupi più !
Cordiali saluti
Dott. Roberto Crenna
Parabiago (mi )
Dott. Roberto Crenna

[#2] dopo  
Dr. Massimo Canonica

20% attività
0% attualità
0% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2000
Un addensamento osseo a livello della radice dei denti,radiologicamente dimostrabile come un'osteosclerosi,può avere diversa origine,spesso dentaria.Innanzitutto sarà necessario procedere ad un test di vitalità dentaria;una TC del sito interessato potrà essere utile per valutare la reale estensione della lesione.Un eventuale cementoma rappresenta una lesione benigna,raggruppata tra le lesioni benigne di origine dentali dette odontomi.La lesione deve essere seguita nel tempo con controlli radiografici.Cordiali saluti.
Dr Massimo Canonica (To)
Dr.Massimo Canonica

[#3] dopo  
Dr. Umberto Molini

24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Il cementoma è considerato una lesione reattiva delle cellule odontogenetiche del legamento parodontale di natura irritativa.
La sua origine è sconosciuta, anche se a volte può essere associato a un lieve trauma cronico a carico dei denti interessati.
La morfologia varia con la fase di sviluppo. Nello stadio iniziale appare come un'area di radiotrasparenza periapicale e può essere scambiato con un granuloma periapicale o una cisti radicolare. La diagnosi differenziale con queste patologie da necrosi pulpare è la presenza di vitalità dei denti interessati. Nella seconda fase è misto, sia radiotrasparente che radiopaco, con predominanza di radiopacità. Nella terza fase predomina la porzione opaca, con una sottile area di radiotrasparenza periferica.
Più spesso è localizzato nella mandibola, frequente all'apice degli incisivi mandibolari.
Una volta fatta la diagnosi non è necessaria alcuna terapia. L'unica prescrizione è l'osservazione.
Dr Umberto Molini
Roma
Dr Umberto Molini
Via Ernesto Monaci n 5
Roma Tel 0644245508

[#4] dopo  
Dr. Errico Bucci

20% attività
0% attualità
0% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2001
Gent Signora
Le invio un "summary" di un articolo scientifico tratto da Medline che potrebbe avere una affinità con la sua situazione clinica:

Periapical cemental dysplasia: a case of misdiagnosis.
Br Dent J 1998 Aug 8;185(3):122-3 (ISSN: 0007-0610)
Smith S; Patel K; Hoskinson AE
Eastman Dental Institute and Hospital, London.
The correct diagnosis of pathological lesions of endodontic origin should allow for differentiation from those arising from other sources. A case of periapical cemental dysplasia (cementoma) is presented, whereby incorrect diagnosis resulted in not only inappropriate treatment, but an endodontic mishap and the superimposition of acute apical periodontitis in a previously disease-free site. This case report highlights the need for appropriate examination, simple special tests and diagnosis prior to management of lesions of questionable aetiology.

Ricordandole che è comunque difficile fare una diagnosi in base solo alla sua descrizione e augurandomi di esserLe stato utile la saluto cordialmente
Dr Errico Bucci
Dr Errico Bucci

[#5] dopo  
Dr. Paolo Patrucco

24% attività
0% attualità
4% socialità
CASALE MONFERRATO (AL)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2000
Cara signora se la diagnosi del collega è esatta non ci sono grosse preoccupazioni in merito ,in ogni caso sarebbbe bene accertarsi come sia insorto il cementoma stesso, facendo test di vitalità del dente e ,se non ci siano traumi occlusali che possono anche causare addensamenti radiografici di questo genere ,controllare la neoformazione con controlli radiografici periodici .
Le posso indicare come possibilità ulteriore una visita al Istituto Stomatologico Italiano di Milano ,dove esiste un intero reparto per problemi di questo genere. I.S.I.(via Pace 21 20122 Milano 02-54176.1 centralino ,reparto di patologia orale , dr Crippa .
Paolo Patrucco