Utente 490XXX
Salve a tutti. Sono un ragazzo di 21 anni..

Scrivo per mio padre. Dopo aver passado un periodo non molto bello, tra calcoli renali, diabete che si alza e si abbassa, purtroppo ci si è messo anche questo problema. A mio padre è stato diagnosticato il Tumore di Warthin alla parotide, dopo aver fatto ago aspirato.

Ora i medici hanno detto che sarebbe meglio toglierlo, anche perchè ultimamente si è gonfiato maggiormente.

Mio padre però non sa a chi rivolgersi, quale visita deve fare e dove deve recarsi.

Qualcuno di Roma potrebbe indirizzarci ad un BRAVO chirurgo per avere una visita e fissare l'operazione?

operazione che, da quanto ho capito, è difficile perchè ci passano nervi importanti.

Ringrazio in anticipo.
aspetto vostre risposte

cordiali saluti
Mattia

[#1] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Consiglio, nella zona di Milano, di mia attuale competenza territoriale lavorativa, professionisti come Fausto Chiesa dell'istituto europeo di Oncologia o Mario Bussi del mio Istituto(San Raffaele di Milano) o il gruppo dell'istituto Nazionale dei tumori di Milano.
Penso comunque che anche a Roma ci siano equipe di altissimo livello per la chirurgia della regione cervico-cefalica, pur non ricordando i nomi dei singoli chirughi di fama. Ci sono grandi Strutture come il Regina Elena e il Policlinico Gemelli, che subito mi saltano in mente, ma sicuramente molte altre di altrettanta esperienza consolidata.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Grazie per la celere risposta.

Dovrebbe fare prima una visita chirurgica??

Grazie Ancora

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Prof. Filippo Alongi

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
8% attualità
16% socialità
NEGRAR (VR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Penso sia indispensabile, per avere un parere sulla resecabilità e sulle opzioni teraputiche chirugiche più adeguate. Pur essendo una neoformazione benigna, è importante, a mio avviso, un esame di imaging (almeno una TC con o senza mdc o una RMN)che possa visualizzare con chiarezza i rapporti con gli organi vicini, in funzione dell'intervento da intraprendere.
Prof. Filippo Alongi
Professore associato di Radioterapia
Direttore Radioterapia Oncologica, Ospedale S.Cuore Don Calabria di Negrar(Verona),