Utente
Salve, sono un ragazzo di 18 anni(altezza 1.71 peso 48) e prima di parlare del mio problema al ginocchio vorrei darvi qualche informazione ulteriore che potrebbe essere utile per capire la situazione nel suo complesso.
Circa 4 anni fa intrapresi una cura ormonale poichè monitorando la mia crescita i medici da cui ero seguito si erano accorti di problemi alla tiroide.
Per circa 2 anni assunsi un farmaco di nome genotropin miniquick con controlli semestrali e da qualche anno interruppi la terapia poichè la mia crescita era tornata nei ranghi medici.
Tra prima e dopo la terapia sono cresciuto circa 30 centimetri ma il mio peso è comunque molto sotto la norma.
In seguito avevo sentito che questa terapia influiva sulle cartilagini che restavano morbide per permettere la crescita dell'osso o cose simili.
Dopo poco che iniziai la terapia fui colpito dopo un trauma(salto) da una tallonite al piede sinistro che tuttora mi arreca un fastidio che sopporto rassegnato.
Nel novembre 2008 (già 9 mesi), ebbi un infortunio al ginocchio destro: facendo una corsa avanti e indietro su linea retta da muro a muro ho appoggiato il piede destro sulla base del muro per darmi una spinta per proseguire la corsa nella direzione opposta dietro me. Dopo pochi secondi ho iniziato a sentire un gran male nel ginocchio che mi ha fatto fermare, però dopo qualche minuto sono ritornato a correre, mentre nei giorni successivi il fastidio al ginocchio è diventato perenne e continuo.
Ho consultato diversi medici e centri di rieducazione e ho fatto una RMN a fine febbraio con esito:
"Sottile linea iperintensa a livello del corno anteriore del menisco esterno, compatibile con fissurazione. Regolare il corno posteriore e il menisco mediale. Rotula in sede, ben centrata. Lieve incremento del fisiologico liquido intrarticolare nel recesso sovrarotuleo."
I miei sintomi sono fastidio nel camminare, nel salire e scendere le scale, impossibilità a piegare il ginocchio per portare il polpaccio parallelo alla coscia (tipo stretching) poichè sento subito un gran male nel mezzo del ginocchio.
I dottori pensarono di farmi intraprendere una terapia per ampliare i muscoli delle gambe, di cui sono piuttosto scarno, e mi dissero che in quel modo il muscolo avrebbe aiutato l'articolazione e il male sarebbe sparito. Il tempo passava senza miglioramenti nè conla terapia in piscina nè con la palestra nonostante mi era stato detto che in massimo 2 mesi sarei tornato a posto(entro luglio), ma come potete immaginare ancora oggi non ho miglioramenti.
Ho sentito parlare di condropatie, artrosi etc e ho letto che vari sintomi sono simili ai miei e il mio presentimento è che le cartilagini siano compromesse.
Ho letto e sentitoche un artroscopia possa essere utile per capire la situazione del ginocchio e alcuni medici mi han detto che la differenza tra RMN(che farò di nuovo fra un mese) e artroscopia è abissale proprio perchè vedere dentro il ginocchio e giudicare in base alle ombre di una lastra è molto diverso.

[#1]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
La RMN eseguita avrebbe sicuramente evidenziato una condropatia se ci fosse stata. On-line non è purtroppo possibile comprendere la sua reale situazione obiettiva ed esprimere giudizi senza visitare il suo ginocchio. Visto che comunque ripeterà la RMN, faccia una visita ortopedica e ci faccia sapere.
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#2] dopo  
Utente
Altre informazioni che mi ero dimenticato di fornire sono che le mie ginocchia sono vare e sento fastidio anche se sto fermo stringendo il quadricipite.

E' proprio questo, si può dire che mi stiano curando per una condropatia dato che mi han detto che facendo il muscolo il dolore sarebbe sparito. Credevo fosse qualcosa di leggero ma ricercando on-line ho scoperto che una condropatia non sarebbe tanto simpatica...

Ma in una rmn di solito si guarda tutto ciò che riguarda il ginocchio, o è molto mirata di solito? Perchè si erano concentrati nell'osservare i menischi mi pare..

Con la RMN si vedono bene anche le cartilagini o si fa fatica?

Sono 10 mesi che non miglioro, qualcosa che non va ci dev essere..

[#3]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Con la RMN è possibile esaminare tutte le strutture che compongono l'articolazione in esame. La descrizione è stata più dettagliata sui menischi, probabilmente perchè sede di alterazioni. Quando indenni, nei referti leggiamo: "menischi integri".
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#4] dopo  
Utente
Personalmente, così, pur senza visita e controlli, cosa crede che mi possa arrecare così tanto fastidio e male al ginocchio?

[#5]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Potrebbe essere il menisco ma, ripeto, solo con la visita può accertare il tutto
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#6] dopo  
Utente
E potrebbero essersi rovinate delle cartilagini?

Io ho molto male solo nel portare il polpaccio indietro verso la coscia stando fermo e non arrecando nessun peso quindi ero preoccupato riguardo a qualche cartilagine all'interno del ginocchio..

[#7]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Come le avevo già detto nella replica #1, la RMN ha escluso condropatie
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi

[#8] dopo  
Utente
Comunque grazie per il tempo usato per provare ad aiutarmi.

[#9]  
Dr. Giuseppe Coli'

32% attività
16% attualità
16% socialità
PAVIA (PV)
GALLIPOLI (LE)
LEQUILE (LE)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Tranquillo, siamo qui per voi
Dr. Giuseppe Colì
Specialista Ortopedico
Malattie metaboliche dell'osso
Ex responsabile centro Osteoporosi