Utente
In seguito ad un ipoacusia improvvisa all'orecchio destro, avvenuta circa un mese e mezzo fa , e recuperata completamente, ho episodi di iperacusia , i suoni mi risultano distorti , sdoppiati, e mi danno molto fastidio, la stessa cosa mi era successa insieme all'ipoacusia improvvisa. Finora questi disturbi sono sempre passati nel giro di 2-3 giorni , ma ora è cinque giorni che non accennano a diminuire. Gli ultimi esami audiometrici erano regolari... Devo aspettarmi che passeranno ancora questi disturbi ? Grazie

[#1]  
Dr. Giancarlo Cassani

40% attività
20% attualità
12% socialità
CASALPUSTERLENGO (LO)
SAN COLOMBANO AL LAMBRO (MI)
MILANO (MI)
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2013
Prenota una visita specialistica
Buongiorno,
i disturbi che lei riferisce sono con ogni probabilità legati alla ipoacusia improvvisa che anche qualora fosse stata curata e recuperata andrà monitorata nel tempo da uno specialista..
La patologia non fu. poca cosa è quindi consiglierei controlli periodici con aggiustamenti di eventuali terapie.
Cordiali saluti e auguri
Dr. GIANCARLO CASSANI

[#2] dopo  
Utente
Dottore, a distanza di due settimane i disturbi sono diminuiti ma non sono scomparsi... Secondo lei devo aspettarmi una guarigione totale ? Alcuni specialisti da me contattati hanno diagnosticato quasi con certezza un idrope endolinfatico.. Inoltre il test audiometrico rivela solo una piccolissima perdita sulle basse frequenze

[#3]  
Dr. Giancarlo Cassani

40% attività
20% attualità
12% socialità
CASALPUSTERLENGO (LO)
SAN COLOMBANO AL LAMBRO (MI)
MILANO (MI)
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2013
Buongiorno
Ecco questo è già un dato interessante e che può spiegare i disturbi da lei riferiti.
La ipocrisia improvvisa potrebbe quindi essersi risolta lasciando tuttavia un problema nella produzione e riassorbimento dei liquidi dell' orecchio interno.
Questo giustifica un monitoraggio specialistico e un aggiustamento della "mira" terapeutica e con buone possibilità di successo.
Cordiali saluti
Dr. GIANCARLO CASSANI

[#4] dopo  
Utente
Gentile dottore, da quanto ho capito, la fluttuazione dei miei sintomi può solo essere spiegata con la presenza di idrope.. Il mio dubbio è se questo scompenso di liquidi nell'orecchio non possa aver causato danni permanenti...
La ringrazio della disponibilità
Cordiali saluti

[#5] dopo  
Utente
Gentile dottor Cassani, in questo periodo i miei sintomi sembrano essersi stabilizzati.. Salvo un netto miglioramento in seguito ad un iniezione di lasix, durato tuttavia pochi giorni.. La diagnosi è quella di idrope endolinfatico, ora sto seguendo una cura a base di diamox, una compressa ogni due giorni , che però non ritengo sufficente.. Non crede che una terapia farmaceutica più forte potrebbe dare risultati migliori ? Tra l'altro sto anche cercando di bere molto e ho ridotto drasticamente il sale... Per esempio non crede che i diuretici assunti per via endovenosa svolgano un ruolo più efficace rispetto a quelli assunti per via orale ?
Cordiali saluti

[#6]  
Dr. Giancarlo Cassani

40% attività
20% attualità
12% socialità
CASALPUSTERLENGO (LO)
SAN COLOMBANO AL LAMBRO (MI)
MILANO (MI)
PIACENZA (PC)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2013
Buongiorno
come lei comprende non è possibile dare terapie con questo mezzo di comunicazione comunque mi pare significativo il miglioramento con l'uso di diuretici e quindi segue questa via attenendosi scrupolosamente ai consigli dei Curanti
buona giornata
Dr. GIANCARLO CASSANI

[#7] dopo  
Utente
Gentile dottor Cassani, la aggiorno su quanto successo nelle ultime settimane.
Alterno periodi in cui sento bene o comunque discretamente a periodi di sordità monolaterale abbastanza elevata, tanto da distinguere a stento le voci delle persone.
Su consiglio di uno specialista ho effettutato una RM con liquido di contrasto , che ha rilevato la presenza di un angioma cavernoso in sede cerebellare ( quindi che non coinvolge direttamente l'udito ) ma che, secondo il primario del centro ospedaliero che ho contattato, potrebbe andare a comprimere qualche struttura nervosa, compromettendo quindi la funzione uditiva. Condivide anche lei questa teoria ? I miglioramenti secondo lui si verificherebbero nel momento in cui questo angioma si sgonfia.
Inoltre ho effettuato dieci giorni di trattamento a base di cortisone e mannitolo endovena senza alcun risultato, il che mi porta a escludere una possibile idrope endolinfatica,
Cordiali saluti.