Fischio all orecchio dopo schiaffo

Salve dott.sono una studentessa di 28 anni.circa un mese fa durante una lite rivevuto uno schiaffo che ha coinvolto anche il mio orecchio sx.il pomeriggio successivo mi sono recata in ps dove mi hanno diagnosticato una estesa perforazione del quadranre anteriore della mt dicendomi che se sono fortunata si chiuderà nel giro di 6 mesi,altrimenti dovrò sottopormi ad intervento. La diagnosi è stata confermata da altri due otorini:quello del ps mi ha consigliato di aspettare un altro mese prima di parlare di intervento e mi ha prescritto acuval audio.l'otorino che mi conosce da quando sono piccola mi ha detto che nella prossima visita,che sarà a gg potremmo già parlare di operazione.Non ho riportato danni all'udito.ciò che mi preoccupa è il fischio continuo che avverto,anche se mi è sembrato attenuarsi leggermente.mi è sembrato essere quasi scomparso in due occasioni:la sera e al mattino seguente.poi è ricomparso nuovamente e alcune volte è molto forte.il senso di ovattamento mi sembra stia andando via.nell'ultima visita il dottore ha visto un leggero miglioramento,ma dice che si aspettava di più. Le domande a cui vorrei una risposta che non mi è stata data dal mio otorino sono:è possibile eseguire degli esami per capire la causa del fischio,possibili lesioni e se potrà mai andare via?ed inoltre una volta chiusa la membrana;spero da sola ma anche con intervento è possibile che rimanga il fischio?non riesco quasi più a vivere e vorrei finire gli studi.ringrazio molto chi vorrà rispondermi.
[#1]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Non sono in grado di darle una risposta specifica per il suo caso. Non possiamo fare altro che attendere la chiusura spontanea della perforazione e sperare che contestualmente cessi il fischio, non essendo stato rilevato un danno del nervo acustico. Mi auguro che non ci sia bisogno di intervenire chirurgicamente.
Un cordiale saluto

Dr. Raffaello Brunori

[#2]
dopo
Utente
Utente
In realtà ho pensato di chiedere all'otorino che mi segue una richiesta per una rmn in quanto il dott stesso mi ha detto che non sappiamo se vi sia stata una lesione del nervo o di altre cose;crede sia necessaria o comunque serva per escludere eventuali danni interni che con una visita con otoscopio non si possono vedere?forse sto dicendo un sacco di sciocchezze ma vorrei un parere.
Avrei altre domande che mi sono venute in mente in questi gg.
Per la maggior parte della giornata sento un forte fastidio nell'ascoltare altri rumori come quelli dei piatti o delle posate o di porte che si chiudono o la voce alta di chi mi sta accanto...mi rendo conto che può essere collegato forse anche all'ansia e magari al trauma che ho subito,ma le chiedo per poter magari escludere altre patologie come ad esempio la iperacusia...purtroppo leggo forse troppo cosa c'è scritto su internet.
Un ultima cosa. Ho notato che durante la masticazione o se provo a stringere i denti avverto che il fischio è più forte.Può esserci qualche collegamento o qualche esame da fare per capire meglio?
Ho chiaro il concetto che devo aspettare e che non è passato neanche un mese.Ma sfrutto la sua pazienza e disponibilità. la ringrazio.

[#3]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Come già le ho detto, occorre attendere la spontanea chiusura del timpano e, vedrà, tutta la sintomatologia in questo caso si risolverà. Non servono accertamenti riadiologici o di altro tipo. Deve solo avere un po' di pazienza!
[#4]
dopo
Utente
Utente
Va bene dottore. La ringrazio molto.
Cordiali saluti
[#5]
dopo
Utente
Utente
Buonasera dottore.
Scrivo nuovamente per aggiornarla sulla mia situazione e chiederle un ulteriore parere.
Qualche giorno fa mi sono recata dall'otorino per il controllo. Dopo la visita con otoscopio,mi ha sottoposta ad un ulteriore esame di cui però non conosco il nome. Ho chiesto il nome di questo esame,non per mancanza di fiducia,solo per conoscenza a ciò che venivo sottoposta,ma non me lo ha indicato,dicendomi però che questo esame è più di quanto all'avanguardia esista per esaminare l'orecchio...
Le descrivo l'esame:mi ha fatto indossare una cuffia,con un auricolare di gomma nell'orecchio interessato,auricolare che mi provocava un pò di pressione;ha mandato dei suoni forti,prima nell'orecchio sx(quello interessato),poi in quello dx.
Ad esame finito mi ha detto che praticamente la membrana timpanica si è chiusa,ma ha detto anche di aspettare una decina di giorni per far entrare acqua nell'orecchio e di soffiare piano il naso. Ma a che scopo se è chiusa?
Poi mi ha detto che l'udito,il nervo,gli ossicini e le strutture dell'orecchio non hanno alcun problema. Buone notizie quindi.
Nonostante questo l'acufene,anzi gli acufeni,perchè ora ne percepisco due diversi,continuano ad esserci,come anche altri sintomi che avevo descritto nei consulti precedenti a lei rivolti dott.Brunori. Li specifico meglio essendo un pò cambiata la situazione:
- un fischio elettrico,più acuto che varia di intensità; un altro costante un pò più basso,sempre nell'orecchio sx;
- aumento dei fischi durante lo sbadiglio e la masticazione;
- fastidio,come lo squillo di un telefono,un"drinn" nell'ascoltare i rumori alti come ad es.il tono un pò più alto delle persone che mi circondano,o rumori comunque alti.
Quando ho chiesto il motivo degli acufeni il dott. mi ha spiegato che pensa dipenda da un danno ad alcune cellule della coclea,ma non sappiamo quante, nè il livello del danno.
L'otorino mi aveva assicurato nella visita precedente che una volta chiusa la membrana gli acufeni sarebbero,se non scomparsi,diminuiti. Nell'ultima visita invece mi ha detto che logicamente li sento di più perchè essendosi chiusa la membrana ora li sento di più. E qui mi sono sorte perplessità perchè non capisco questo contro senso improvviso..

Terapia:
- continuare con acuval audio perchè secondo l'otorino per le cellule danneggiate il Q10 qualcosa può fare.
- continuare per altri due mesi nasonex spray e rinovagos spray, prescritto a causa della ricrescita delle adenoidi che avevo operato da bambina.

Per gli stessi acufeni mi ha consigliato di lasciar fare alla natura il suo corso in quanto le cellule danneggiate potrebbero anche guarire con il tempo,ma non si sa quanto tempo ci vuole nè se guariscono.

Volevo quindi chiederle: può essere che nonostante le strutture dell'orecchio siano in condizioni normali ci possa essere un danno alle cellule?
Ci sono esami che posso fare per capirlo?
E queste cellule danneggiate possono davvero guarire con il tempo?
Mi scuso se sono stata un pò caotica nello scriverle, ma sono un pò confusa,e dopo un mese e mezzo non ho ancora ben chiara la situazione. Non pretendo di capire tutto,non ho la competenza, ma se da una parte ho ricevuto buone notizie dall'altra non sono convinta del tutto ed è come se mi mancasse qualcosa,forse qualche spiegazione,magari logica...
Grazie per la disponibilità dottore.
[#6]
dopo
Utente
Utente
Volevo aggiungere altri sintomi, se così si possono chiamare: avverto il fischio nell'orecchio sx in maniera più forte anche quando sposto la mandibola verso destra,oltre a quando sbadiglio o stringo i denti.
Inoltre sento in alcuni casi l'orecchio come ovattato.
E approfitto per chiederle anche se c'è la possibilità che questi acufeni possano peggiorare ulteriormente.
In realtà in alcuni momenti li percepisco maggiormente,sia in situazione di completo silenzio, sia quando sono coperti da altri rumori, come quando ad es. quando sono per strada..senza farci particolarmente caso,si fanno sentire da soli..
Di nuovo grazie dottore..
[#7]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Prima di tutto, occorre necessariamente una visita di controllo da parte dell'Otorino per una osservazione della membrana timpanica, per vedere a che punto è la chiusura. Poi, sarebbe utile anche che si rivolgesse al suo Odontoiatra per un controllo dell'articolazione temporo-mandibolare che potrebbe aver subito un trauma in seguito all'incidente subito dello schiaffo.
Buona giornata
[#8]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Mi scusi, ma mi era sfuggito il quesito precedente. Il timpano, fortunatamente, si è chiuso e, pertanto, non ci sono problemi per soffiare il naso o se dell'acqua entri nel condotto uditivo esterno. Ora dobbiamo solo appurare che non ci sia stato un danno all'articolazione temporo-mandibolare, possibile responsabile dell'acufene.
[#9]
dopo
Utente
Utente
Seguirò il suo consiglio.
E per quanto riguarda la mia domanda sul danneggiamento delle cellule cocleari,nonostante dall'esame fatto sia risultato che le strutture dell'orecchio sono in condizioni normali,cosa può dirmi?cioè è vero che queste possono guarire con il tempo?
[#10]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Non c'è stato alcun danno cocleare, cosi' come già le è stato confermato.
[#11]
dopo
Utente
Utente
Scusi l'insistenza dottore. Ma il mio otorino mi ha parlato di nessun danno alle strutture dell'orecchio.Nelle strutture credo sia compresa anche la coclea.
Subito dopo ha affermato che l'acufene può essere collegato ad un DANNEGGIAMENTO DELLE CELLULE CILIATE O DELLE CELLULE COLEARI.
Per cui mi sono rivolta a lei per capire se questa affermazione può essere veritiera o no,avendomi precedentemente detto che non ho alcun danno.
[#12]
Dr. Raffaello Brunori Otorinolaringoiatra, Medico di medicina generale 31,9k 1,1k
Forse non riesco a farmi comprendere: non si è verificato alcun danno cocleare.
[#13]
dopo
Utente
Utente
Ho compreso. La ringrazio.
Cordiali saluti

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test