Utente
Gentilissimi Dottori,

non saprei dire da quanto, ma almeno da un paio di anni, ho su entrambe le parti interne delle guance due lunghe striature biancastre. Come una striscia bianca. A seconda dei giorni e a di altri fattori che non saprei dire, queste striature di allungano, si accorciano, si intensificano nel bianco e, alcuni giorni, spariscono quasi del tutto, per poi tornare inesorabilmente.

Normalmente porto un Byte ortodontico per morso profondo, ho provato a levarlo per quasi un mese, ma queste striature non scompaiono.


Ho scoperto che si chiamano leucoplachie, con tutto quello che ne consegue in termini di rischio di cancro ecc. So che le cause possono essere molte.

Io ho fatto gli esami del sangue a febbraio ed emocromo e valori del fegato erano nella norma. Come scritto in post precedente ho dei problemi intestinali di natura tutt'ora ignota, non so se può esserci un legame.


Premetto che NON BEVO, NON FUMO E NON MI DROGO. Occasionalmente ho rapporti orali con la mia ragazza.

Cosa posso fare? A chi devo rivolgermi?

[#1]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Sicuramente devi sottoporti ad una visita specialistica otorinolaringoiatrica. Visto che sono due anni che persistono queste zone biancastre, il tutto depone a tuo favore, nel senso che si fosse trattato di leucoplachia, ormai sarebbe avvenuta una trasformazione.. Comunque sia, ripeto, è bene che ti faccia visitare da Specialista.
Un cordiale saluto
Dr. Raffaello Brunori

[#2] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore,

ho effettuato la visita specialistica.

Questo il referto

INIZIALI LESIONI PRE-LEUCOPLASICHE DELLA MUCOSA GENIENA BILATERALMENTE. ASSENZA DI SINTOMATOLOGIA. Da tenere in osservazione ed eventualmente bioptizzare se peggioramento evidente.
(premetto che ho effettuato la visita nel tardo pomeriggio, quando queste strisce tendono a regredire nell'intensità del bianco e nella lunghezza.

TERAPIA: ROVIGON 1 confetto 3 volte al dì dopo i pasti per un mese.


(ora la parte del naso...una cosa che sapevo di avere, ma ho sempre rimandato la visita)

MARCATA DEVIAZIONE BICONVESSA DEL SETTO NASALE. IPERTROFIA DEI TURBINATI INFERIORI. Uso di vasocostrittori. (uno spruzzo in una narice prima di dormire altrimenti niente sonno...)

TERAPIA: Aircort 100 spray nasale, uno spruzzo per narice due volte al giorno per un mese.

Dopo terapia valutazione con videoendoscopia nasofaringea.

Programmare settoplastica funzionale e decongestione dei turbinati nasali inferiori nella persistenza della sintomatologia dispnoica nasale.


VOLEVO UN SUO PARERE MEDICO sulla diagnosi e sulle terapie prescitte per entrambi i problemi.

La ringrazio anticipatamente

[#3]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Personalmente, il problema della deviazione del setto nasale non lo vedrei come un problema da affrontare urgentemente. Semmai, farei la biopsia della mucosa di aspetto leucoplasico, senza attendere un eventuale peggioramento. Lo spray nasale puoi utilizzarlo tranquillamente, come prescritto.
Mi farà piacere conoscere l'esito della biopsia
Dr. Raffaello Brunori

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dottore,

se lei ritiene che sia urgente una biopsia, la faccio subito.

Solo che non ho idea di dove si faccia, come si faccia, a chi devo rivolgermi etc...essendo anche Lei di Roma, può aiutarmi in questo senso?

[#5]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Ti puoi rivolgere presso qualsiasi ambulatorio otorinolaringoiatrico di un Ospedale. Sarà il Medico che ti visiterà ad inserirti nella lista per effettuare la biopsia, se lo riterrà opportuno.
Dr. Raffaello Brunori

[#6] dopo  
Utente
Gentilissimo Dottore,

mi perdoni se la importuno ancora. Ma devo andare in ospedale senza richiesta del medico di base? Come se andassi al prontosoccorso? O devo prenotare qualcosa?

Magari potrei venire nell'ospedale dove lavora Lei. Se è possibile.

[#7]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Devi prenotare una visita ORL presso un ambulatorio di un Ospedale con la richiesta del tuo Medico curante.
Dr. Raffaello Brunori

[#8] dopo  
Utente
Dottore, mi perdoni se la disturbo ancora. Mi sono fatto fare l'impegnativa dal medico.

Però in tutti i grandi ospedali romani mi chiedono di prenotare tramite il RECUP...e questi mi danno appuntamento a fine settembre.

Mi scusi, ma se uno deve fare una biopsia si può aspettare così tanto?
IO FAREI TUTTO ANCHE PRIVATAMENTE, MA NON SO DOVE ANDARE...

[#9]  
Dr. Raffaello Brunori

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
In effetti, tre mesi sono un po' troppi per una biopsia. Puoi provare a recarti personalmente, per esempio, al Policlinico Umberto I , Clinica otorino. Mi pare che ci sia lo sportello delle prenotazioni ed i tempi di attesa non sono poi cosi' lunghi.
Dr. Raffaello Brunori