Utente
salve, ho eseguito una RM il 22-07-05 ed e stata riscontrata una apprezzabile neoformazione ovalare di circa 12mm di diametro massimo sita profondamente nella parete faringea destra, posteriormente ai muscoli pterigoidei e al processo pterigoideo dello sfenoide.
Ho problemi dall'interno dell'orecchio fino alla gola, specialmente quando ingoio e di notte si accentua molto.
Vorrei sapere cosa posso e devo fare .
distinti saluti

[#1]  
Dr. Morando Morandi

24% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
Gentile sig.ra, data la sede non è facile ipotizzare un approccio diretto, finalizzato ad una corretta diagnosi, della neoformazione.Come prima cosa, dunque,penso che sia saggio, essendo ormai trascorsi più di sei mesi,ripetere la RM per verificarne la persistenza e le dimensioni.
Distinti saluti.
dott. M. Morandi

[#2]  
Dr. Luigi Califano

24% attività
0% attualità
8% socialità
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Il riscontro di una neoformazione in tale sede, di accesso non agevole,oltre che della diagnostica per immagini, eventualmente da ripetere per evidenziare eventuali variazioni rispetto alla situazione precedente,necessita di un inquadramento clinico diretto di tipo otorinolaringoiatrico, nel quale venga valutato l'iter diagnostico e terapeutico da attuare.
Luigi Califano

[#3]  
Attivo dal 2004 al 2014
Per una diagnosi di "natura" della formazione, bisognerebbe vedere le immagini RM o per lo meno sapere: è una formazione solida o liquida? Che caratteri di "segnale" RM ha? Come e se prende contrasto? Che tipo di rapporti mostra con le strutture adiacenti (è "clivata"? infiltra?).
E' poi sicuramente necessario, dopo visita clinica, e come già espresso dai Colleghi, ripetere l'esame RM.
Cari saluti.

[#4]  
Dr. Domenico Cifarelli

24% attività
0% attualità
4% socialità
MATERA (MT)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2003
Se non ci sono tumefazioni linfonodali nel collo e se la neoformazione dello spazio parafaringeo non è di natura vascolare, potrebbe essere indicata una agobiopsia ecoguidata, peraltro abbastanza difficoltosa data la sede. Prima o poi però, visto che tale neoformazione è sintomatica, dovrà sottoporsi ad intervento chirurgico nel quale deve essere prevista la possibilità dell'esame istologico estemporaneo che deve guidare evidentemente il grado di demolizione locale e locoregionale.
Cordiali saluti
Domenico Cifarelli
Otorinolaringoiatra
Allergologo

[#5]  
Dr. Alessandro Valieri

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
16% socialità
RAVENNA (RA)
BOLOGNA (BO)
CODIGORO (FE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Gli spazi parafaringei sono fra le regioni anatomiche più difficilmente accessibili per il chirurgo otorinolaringoiatra. Sarebbe interessante valutare con attenzione le caratteristiche radiologiche della neoformazione (molto spesso si tratta di neoformazioni vascolari)e la cavità rinofaringea sotto controllo fibroendoscopico.
Consiglio nuova valutazione con fibroendoscopia ORL ed imaging RM, per valutare il quadro clinico a distanza e prendere in considerazione l'intervento chirurgico.
Dr. ALESSANDRO VALIERI
*Centro Laser Chirurgia Emilia e Romagna*
www.alessandrovalieri.it

[#6] dopo  
Utente
ho rifatto l'esame RM e il riscontro è che la neoformazione e rimasta di identiche dimensioni, volevo anche dire che ho fatto anche il tampone faringeo e mi e stato riscontrato un strept. anemolitici sto facendo una cura, ho fatto questo esame perche il dolore e prevalentemente dall'interno orecchio fino alla gola. Potrebbe essere questo la causa di questi miei dolori

[#7]  
Dr. Massimiliano Forino

24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2004
La neoformazione è in sede mediana o laterale? se può, mandi le immagini via e-mail per avere qualche elemento in più, il referto sicuramente non basta.
Gentili saluti
Massimiliano Forino
Dott. Massimiliano Forino