Utente 163XXX
Egregi Dottori sono madre di una bambina di 18 mesi alla quale e' stato diagnosticato la sindrome del colon irritabile.Di seguito vi spiego la storia e descrivo gli ultimi accertamenti effettuati:Allattamento materno esclusivo per 1 mese e mezzo circa,poi per comparsa di dermatite al volto passo al polilat 1 per cui effettua allattamento misto fino al secondo mese di vita e poi solo polilat che tutt' ora assume.Svezzamento a 6 mesi e mezzo.Glutine a 7 mesi.All'eta' di un anno prova a introdurre il parmigiano con comparsa di diarrea da dire che fino all'inizio dello svezzamento soffriva di stipsi.All'eta'di 13 mesi introduzione della ricotta comparsa di diarrea e dopo 3-4 giorni febbre.Dal 5-6 mese presenza di prurito che tuttora presenta localizzato principalmente su petto,sul tratto cervicale,cranio e spalle.Eta' oggi di 18 mesi,peso 10Kg, altezza 85 cm.
Wbc=9.100/mm3;Lym=41.3%;Mono=6.6%;Neu=43.7%;Eos=2.6%;Bas=0.6%.Rbc=3.950.000/mm3;Hb10.6gr/dl;Plt211.000/mm3.Glicemia,azotemia,creatinina,acido urico,bilirubina,AST,ALT,proteine,sideremia,elettroliti,PCR,elettroliti,transferrina,ferritina,LH,FSH,PRL;QPE,rast negativi per i principali brofoallergeni,compreso il latte.
Chiedo un vostro parere se basta cio' a diagnosticare il colon irritabile o servono ulteriori accertamenti.Ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Agnesina Pozzi

48% attività
4% attualità
20% socialità
()

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Gentile Signora
il colon "irritabile" è una definizione, non è una malattia vera e propria di cui trovare qualche traccia con qualche test specifico: sono i sintomi e il quadro clinico che parla.
Stiticheza alternata a diarrea, colichette, gonfiori addominali, male al pancino, meteorismo, con l'introduzione di questo o quel cibo.

Quello che noto nelle analisi è solo un aumento relativo dei linfociti nella formula, rispetto ai neutrofili, quindi potrebbe anche trattarsi di qualche virosi, insomma episodi di "influenza" da parte di virus che prevalentemente danno sintomi all'intestino.

In questo caso può residuare una reattività intestinale, esattamente come da una virosi respiratoria può residuare una reattività bronchiale.

Soluzione? Fermenti lattici, dieta a base di cibi di stagione indicati in base all'età, cibi biologici possibilmente, non conservati, non insaccati. E invece del latte vaccino, formulato, adattato, provare con latte d'asina..anche se a quest'età per la piccola il latte non è più indispensabile.

Cordialità
Dott.Agnesina Pozzi