Utente 217XXX
Gentili Medici,

Sono la madre di un bimbo di 22 mesi, alto 92 cm per quasi 15 kg. E' un bambino grande, di corporatura robusta (testa, spalle, mani, piedi grossi). E' nato più piccolo del previsto (2,7 kg) per via del cordone compresso, ha poi sofferto verso i sei mesi di anemia ferrocarenziale per crescita veloce e tratto alfa talassemico, ma ad oggi il suo emocromo è normale, e così il suo sviluppo psicomotorio.
Viviamo all'estero in un paese caldo, il bimbo non porta quasi mai le scarpe. Fino a 10 giorni fa la camminata e l'arco plantare erano fisiologici. Da un giorno all'altro ha iniziato a poggiare il piede sinistro come se fosse piatto e il ginocchio sembra valgo. Ha un'andatura quasi zoppicante e non me lo spiego.
Non dice di avere dolore, né ha segni di traumi. Ha avuto una tonsillite virale con febbre alta poco prima, non so se è utile saperlo.
Potrebbe essere caduto giocando con altri bambini, coi cani o dal triciclo, però non ha mai lamentato dolore, infatti cammina, corre e salta quanto prima, solo tendendo il piede sx in quel modo strano.
Prevediamo di rientrare per le ferie a Natale e un ospedale (mediocre) è a 2 giorni di viaggio da qui, per cui non abbiamo nessun medico vicino.
Se la situazione non rientra, dopo quanto tempo devo preoccuparmi e farlo visitare? Dovrei tenerlo a riposo o lasciarlo giocare? Dovrei magari mettergli le scarpe per vedere se corregge l'andatura?

Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
Gentile signora
se il bambino non è caduto si può escludere una causa traumatica.Se ha avuto un episodio di flogosi delle prime vie aeree,è presumibile che possa trattarsi di una coxalgia benigna di natura virale,patologia non ingravescente e autolimitante.Se il bimbo invece ha febbre,si lamenta,ha qualche articolazione gonfia ed arrossata,è conveniente farlo visitare quanto prima possibile e praticare degli esami del sangue e strumentali
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto