Utente 253XXX
Gentilissimi Dottori,
scrivo in merito alla mia bimba di due anni e mezzo. Premetto che negli ultimi quindici giorni mi sono ammalata prima io e poi mio marito di una qualche virosi (abbiamo pensato influenzale visto che sta girando tanto). A noi la malattia si è presentata con febbre elevata (39) per 4 giorni che risaliva appena finiva l'effetto dell'antipiretico, associata a raffreddore, mal di gola, tosse, dolori articolari e fortissima debolezza, che è durata fino a 2/3 giorni dopo lo sfebbramento. Mentre era malato mio marito mia figlia, il giorno Venerdì 9 comincia avere un lieve rialzo febbrile che però non supera mai i 38, e questo dura fino a Domenica 11. Non presenta gli altri nostri sintomi ma noi diamo per scontato che abbia preso il nostro stesso virus. Nella giornata di domenica comincia però a lamentarsi di avere bruciore quando urina e dice di avere dolore al fianco, inoltre l'urina ha un forte odore sgradevole. Lunedì niente più febbre, tuttavia le facciamo fare esame delle urine ed urinocoltura e risulta un'infezione da Proteus Mirabilis; comincia così la terapia con Augmentin ma la sera stessa dell'inizio della terapia (Martedì 13) arriva di nuovo la febbre, questa volta alta (39), accompagnata però da forte raffreddore e tosse. La febbre e questi sintomi sono perdurati per ben 5 giorni, insieme ad una estrema irritabilità e debolezza. Continuiamo la terapia antibiotico, anche se l'idea che questa volta non siano più le vie urinarie è confermata da un nuovo esame delle urine negativo. Allora stavolta sarà il nostro virus influenzale, pensiamo. Domenica 18 (quinto giorno di febbre alta) il pediatra le riscontra anche la gola rossa, ed essendo il quinto giorno di Augmentin ed avendo la bimba anche la diarrea da un giorno, le cambia terapia antibiotica e le prescrive c5 giorni di Cefixoral. Da Lunedì 19 mattina mia figlia non ha più febbre (anzi, ha spesso 35,5) ma insieme alla scomparsa della febbre sono comparse delle piccole puntine rosa sulla pancia e sulla schiena, e giusto qualcuna sotto un occhio, che stamattina sono già un po' più chiare. Tuttavia la bimba è ancora un po' irritabile e soprattutto dorme male. Terminerà il Cefixoral domani. Il pediatra ci ha detto che la prima febbre è stata IVU risolta con Augmentin, e la seconda (la febbre alta durata 5 giorni e seguita dall'esantema) è stata sesta malattia. Ora le mie domande sono queste:
La febbre della sesta malattia dura così tanto? Possibile che abbia avuto due cose diverse quasi in contemporanea? E non è possibile che, piuttosto che sesta malattia, abbia avuto lo stesso nostro virus (i sintomi erano troppo simili e soprattutto troppo ravvicinati ai nostri) e lei abbia avuto in più un esantema? O che l'esantema sia stato dovuto all'Augmentin o al Cefixoral? Insomma sono molto confusa e vorrei un vostro parere. Inoltre vorrei sapere quanto ci vorrà più o meno prima che ritorni in forma dato che è comunque deboluccia, ha poca fame e dorme male. Mille grazie di cuore.

[#1] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
gentile signora
è molto improbabile che si associno due patologie.Il bruciore urinario e quindi l'infezione alle vie urinarie è possibile conseguenza anche di una forma virale.La presenza del proteus potrebbe essere da contaminazione.La sesta malattia di solito prende i bambini fino ad un anno di vita.L'esantema potrebbe essere collegato sempre alla forma virale
Comunque le consiglio ripetere dopo la terapia un esame di urine con sedimento ed una urinocoltura,raccogliendo bene le urine dopo accurata detersione e al mitto intermedio.Le consiglio effettuare anche una ecografia renale e delle vie urinarie.L'astenia potrà protrarsi ancora per qualche giorno.La tenga sotto controllo medico
cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto

[#2] dopo  
Utente 253XXX

Gentile Dr Pinto,
innanzitutto grazie mille per la sua celere risposta. Volevo approfittare della sua gentilezza per chiederle un chiarimento: l'infezione alle vie urinarie potrebbe essere una conseguenza della forma virale anche se si è presentata prima l'infezione alle vie urinarie della forma virale? Se il proteus fosse stato da contaminazione, perchè mia figlia aveva la febbricola e il bruciore nell'urinare e l'urina maleodorante? La raccolta delle urine l'avevo fatta scrupolosamente, nella modalità da lei indicata. Seguirò certamente il suo consiglio e dopo la terapia antibiotica farò fare a mia figlia l'esame urine e urinocoltura e l'ecografia.
Di nuovo mille grazie.

Cordialmente

[#3] dopo  
Dr. Gaetano Pinto

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
0% attualità
20% socialità
NOCERA INFERIORE (SA)
TORRE ANNUNZIATA (NA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2011
gentile signora
poiché si è verificata una sintomatologia urinaria da infezione alta,con dolore,come le dicevo la cosa va approfondita e deve effettuare un follow up urologico con controlli ripetuti sopratutto dell'esame urine
di nuovo cordiali saluti
Dr. Gaetano Pinto