Utente 184XXX
Buongiorno,
sono mamma di una bambina che il 20 maggio compirà 7 mesi.
Purtroppo da 15 giorni a questa parte è un po' cambiata; mi spiego meglio: prima dormiva tutta la notte fino alle 06.30/07.00 e stava tranquilla tutto il giorno (pochissimo riposino sempre stata così).
Ho provato per la prima volta una baby sitter (perchè prima o poi dovrò tornare a lavoro) e da allora la situazione è drasticamente peggiorata.
Oramai si sveglia alle 05 la mattina, durante la giornata è sempre strana (fa fatica anche a fare i riposini) con la baby sitter urla a più non posso e si calma solo se la prendo io in braccio.
Ultimamente anche con il papà fa un po' di storie cioè, se non mi vede e sono in altra stanza ok, ma se per sbaglio mi vede passare mi vuole.
Di baby sitter ne sto provando un'altra ma sempre peggio (credevo fosse un problema solo con la precedente); ovviamente facendo delle prove non la sto lasciando sola a casa con lei ma sto in casa anche io per non lasciarla di punto in bianco,
Non so cosa fare sono disperata, vuole solo me tutto il giorno ma non è possibile.
Mi sapete dare una mano su cosa provare a fare?

Grazie tante in anticipo

[#1] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

il comportamento della bimba è del tutto normale, in quanto anche una bambina così piccola ha già imparato a contare su una persona di fiducia che in questo caso è Lei.

Cosa fare?
Non può chiedere a Sua figlia di non disperarsi, perché di disperazione si tratta quando una bimba sente e vede la mamma allontanarsi.
D'altra parte la separazione non è facile per noi adulti e neppure per un bambino.

Fa bene a rendere il distacco graduale, inserendo la baby sitter quando Lei è ancora in casa, in modo che la piccola possa abituarsi, ma inevitabilmente dovrà essere ferma e risoluta anche nel lasciarla piangere.

Dopo la disperazione, la bimba imparerà anche che la mamma ritorna: ecco che costruisce ancora la fiducia nella mamma.

Infine, spesso il problema è anche nostro (di noi adulti) e allora Le chiedo se ci sono difficoltà da parte Sua a tollerare la (piccola) sofferenza della bimba. Se sì, è il momento di guardarle e gestirle.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica

[#2] dopo  
Utente 184XXX

Buonasera dottoressa,
La ringrazio molto per la risposta.
Quello che mi chiedo è che questo cambio è stato repentino in lei, da oggi a domani ha iniziato a piangere disperatamente se non era in braccio a me, non capisco così di punto in bianco cosa può essere scatenato in lei.
Ho ricominciato notti in bianco che avevo avuto solo nel primo mese, siamo praticamente tornati indietro, da qualche giorno si sveglia dalle 2 ogni ora, le rimetto il ciuccio e dorme (io no).
Sono stanca morta e la lascio piangere quando è nel passeggino se devo fare le cose perchè anche 8.5 chili non si reggono tanto facilmente.
Anche oggi pianti disperati per fare il riposino. Sicuramente non ho più l'energia ma vorrei capire se è giusto o sbagliato farla piangere disperata senza prenderla... oppure prenderla e calmarla.
Improvvisamente è cambiato tutto e non so più gestire la cosa.

[#3] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci

52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
MONZA (MB)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora,

che la bimba stia protestando è solo perché che è attaccata a Lei e quella è la sua modalità di protestare.
Quanto al pianto, direi che ci sono diversi tipi di pianto e allora ogni pianto deve essere decodificato dalla mamma, che poi sceglierà che fare: se la bimba ha bisogno di essere confortata, oppure se si tratta di un capriccio.

Cordiali saluti,
Dott.ssa Angela Pileci
Psicologa,Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale
Perfezionata in Sessuologia Clinica