Utente 386XXX
Salve,
ho una bimba di quasi 4 mesi, è nata il 9 aprile del peso di 3,280 kg e 3,070 kg all'uscita dall'ospedale. I primi 2 e mesi e mezzo circa sono passati molto bene con una crescita di 820g (3,890kg) il 1 mese e 750 (4,640kg) il secondo nonostante a fine del 1 mese la bambina abbia inspiegabilmente contratto il rotavirus.
Dal compimento del 3 mese però ci siamo accorti che la bimba aveva bruscamente ritardato la crescita tanto da scendere sotto al 3° percentile. Al 3 mese pesava 5.240 kg e abbiamo riscontrato che a fine di ogni pasto il vomito era molto più abbondante dei soliti rigurgiti e a volte addirittura a fontana. Dopo alcune visite dal pediatra di base e il monitoraggio settimanale del peso, ci è stato consigliato di provare a darle l'aggiunta artificiale ma la bimba la rifiuta, o di provare un alternanza con pasti di latte materno e artificiale. Ad oggi in cui la bimba pesa ancora 5.320 kg mangia il mio latte tranne il pasto delle 9 di sera in cui mangia dai 120/150/170 ml a seconda delle serate, di latte arifigiale (humana digest perché riscontrato essere l'unico che le placa il vomito).
La soluzione del mio pediatra, non trovando problemi degni di nota da ecografia e visite, sarebbe quella di passare al latte artificiale esclusivo, ma io neo mamma inerba non sono del tutto convinta. Leggo ovunque che il latte materno è il migliore alimento che ci sia e io che fin dalla nascita della bimba ne produco in abbondanza anche per le sue stesse necessità, non trovo completamente giusto dover bloccare la "mia produzione" par darle dei surrogati.
Vi chiedo dunque un alternativa, se esiste, o una possibile spiegazione di questo fenomeno per il quale la bimba ha cambiato così bruscamente il suo modo di fare e mangiare. Vi informo inoltre (non so se magari può esservi utile a capire) che la bambina non ha mai dormito molto, e quelle poche ore in cui lo fa dorme male e in braccio per via di questo continuo vomito che la assale (cuscini rialzanti antirigurgito non hanno funzionato molto).
Grazie per l'attenzione, spero in una vostra risposta,
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Claudio Olivieri

36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Salve,
la presenza di ripetuti vomiti, scarso accrescimento e difficoltà nel dormire possono far pensare ad una situazione di reflusso gastro-esofageo; per tale motivo, iniziare un latte addensante ed effettuare pasti piccoli e frequenti potrebbero migliorare la situazione, riducendo gli episodi di reflusso.
Cordiali saluti.
Dr. Claudio Olivieri

https://www.facebook.com/Claudio.Olivieri.Chirurgo.Pediatrico/