Perdita della memoria non trascurabile

Buonasera,
mi sto preoccupando molto per un problema che mi assilla da tempo ma che sta molto peggiorando.
Ho sempre sofferto di perdite di memoria, difficoltà a concentrarmi e a mantenere l'attenzione.
Per questo motivo non sono riuscita a laurearmi e non riesco nemmeno ad affrontare un colloquio di lavoro.
Ultimamente però tutto ciò si sta molto aggravando.
Arrivo al punto di interrompermi mentre parlo e dimenticare totalmente non solo ciò che stavo per dire, ma tutto l'argomento di cui stavo parlando. Di non ricordare assolutamente nulla del giorno precedente, come se non fosse mai esistito. Di dimenticare interi discorsi, cosa che mi provoca anche problemi sociali, rimuovo totalmente quello che mi viene detto. Questa cosa mi sta spaventando, potrebbe diventare pericolosa, ad esempio il mese scorso ho dimenticato le chiavi chiuse in macchina mentre ero fuori città ed è stato difficoltoso risolvere il problema. Oltre a ciò sono disoccupata e quando faccio colloqui di lavoro non riesco a rispondere nemmeno a domande semplicissime. Mi sento come se il cervello mi si stesse totalmente spegnendo, non riesco più a controllarlo ed usarlo come vorrei. Non sono nemmeno in grado di leggere libri, se anche riesco a concentrarmi facendo una gran fatica, a fine pagina ho già dimenticato cosa c'era scritto nella precedente e perdo il filo.
Soffro di depressione da diversi anni, da febbraio di quest'anno sono in cura con Weelbutrin, da qualche mese il dosaggio è passato da 150 a 300. I primi tempi mi ha fatto bene, ero più lucida ed attiva, ultimamente mi sembra acqua fresca, come se non prendessi nulla.
Secondo voi a cosa può essere dovuto questo peggioramento? E' possibile perdere così tanto le capacità cognitive solo con la depressione, oppure potrebbe addirittura essere associato a qualche problema neurologico? Cosa potrei fare per capire come risolvere questo problema?

Grazie mille anticipatamente, e grazie per l'importantissimo lavoro che fate su questo sito.
[#1]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta, Psicologo 33,6k 822 50
Va primariamente discriminiate se la perdita di memoria avviene per le condizioni più stressanti oppure per qualsiasi condizione di vita quotidiana.

Nel primo caso la presenza di ansia può portare a ridurre i ricordi successivamente, nel primo caso può essere utile una valutazione neurologica.

Qualora dovesse essere considerato quale conseguenza di una patologia psichiatrica il suo trattamento va rivisto.

https://www.instagram.com/psychiatrist72/
https://wa.me/3908251881139
https://swite.com/psychiatrist72

[#2]
dopo
Utente
Utente
Leggo solo adesso questa risposta purtroppo, ma la situazione non è cambiata.
La perdita di memoria avviene nei periodi più stressanti, ma si ricollega a qualsiasi condizione, dimentico perfino cosa ho mangiato il giorno precedente.
Non ho risolto il problema, e nel frattempo la mia terapia non è cambiata. Ho provato a parlarne alla psichiatra che mi ha consigliato il magnesio e giudicato superflua una valutazione neurologica, ma purtroppo nulla di fatto.
[#3]
Dr. Francesco Saverio Ruggiero Psichiatra, Psicoterapeuta, Psicologo 33,6k 822 50
La risposta che le,ho fornito dovrebbe spingerla a prendere delle decisioni in merito.

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa