Utente 402XXX
Salve, sono un ragazzo di 23 anni e vi scrivo per un problema che ho da qualche tempo, in pratica dopo essermi masturbato, spesso vado abbastanza forte, mi si gonfia il lato a destra del pene circa a meta asta piu verso il glande formando dei piccoli rigonfiamenti simil tondi, morbidi e al tatto non dolorosi, sento solo un leggero "indolenzimento" nelle ore successive, forse perche ci penso non so, nelle aree che appunto si sono gonfiate. Tipo una volta di queste aree gonfie me ne erano venute due una separata dall'altra, come dei bozzetti di pelle gonfia. Il problema solitamente si risolve in modo spontaneo dopo qualche ora. Tempo fa mi si gonfiava il prepuzio attorno al glande ogni tanto ma l'urologo mi ha sempre detto che era normale un po di gonfiore e di non preoccuparmi. Pero noto che appunto ultimamente mi si gonfia a lato destro e non mi era mai capitato, una volta mi si era formata anche una minuscola, quasi impercettibile pallina dura che, sempre su consiglio di un urologo chirurgo ho curato ed eliminato con una crema per facilitare la micro circolazione, dato che secondo lui era un minisedimento. Questi rigonfiamenti pero non sono duri, è come pelle gommosa, è normale che magari lo sfregamento molto intenso, anche se di poca durata, possa aver fatto questo? Cosa potrebbe essere secondo voi? So di avere la pelle abbastanza sensibile pero sono comunque preoccupato. Ho notato inoltre che se mi masturbo regolarmente non mi succede nulla, se invece mi fermo e riprendo dopo 1 settimana/10 giorni mi si gonfia, come se la pelle si abituasse alle sollecitazioni.. In ogni caso con la mia ragazza non mi è mai capitato nessun tipo di gonfiore, anche dopo masturbazionne manuale, attendo risposta grazie in anticipo!

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Sostanzialmnete, le diremmo di non "andarci abbastanza forte" ... Il suo pene non è un infaticabile oggetto meccanico (come forse lei auspicherebbe), ma un insieme di tessuti biologici abbastanza delicati. Gli eccessi non si dimostrano mai vantaggiosi.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing