Utente 557XXX
Salve, sono un ragazzo di 20 anni e circa tre giorni fa ho fatto uno sforzo fisico importante (a dire la verità faccio molto spesso sforzi fisici ma tre giorni fa ho esagerato) e la sera dello stesso giorno ho iniziato ad avvertire un dolore/fastidio che dalla base del pene va al testicolo sinistro. Non è un dolore continuo ma compare quando cammino oppure sollevo qualcosa. Il giorno seguente mi sono riposato e andavo meglio ma ieri il fastidio si è riacutizzato dopo aver sollevato un oggetto di una decina di chili di peso. Stamattina sono andato dal medico curante e mi ha fatto fare un ecografia con urgenza. Di seguito vi riporto la diagnosi del medico che me l'ha fatta:

Presenza alla base dell'asta, sul versante centrale, di piccola ectasia, con area ipoecogena di circa 6. 5 mm, compatibile con infiammazione secondaria a modesto trauma. L'indagine evidenzia inoltre modesto spostamento posteriore dei testicoli che appaiono di normali dimensioni ed ecostruttura, con presenza nel sacco scrotale soprattutto di sinistra di raccolta anecogena liquida, che appare priva di setti e con aspetto non corpuscolato, che distende il sacco scrotale stesso e che orienta la diagnosi verso quella di idrocele idiopatico recente. Il quadro in forma nettamente minore è presente anche a destra.

Il dottore mi ha chiesto se per caso avessi l'idrocele anche prima dello sforzo ma ho risposto che trattandosi della prima ecografia ai testicolo che faccio non sapevo rispondergli. Il medico curante allora mi ha prescritto Flaminase a compresse due volte al giorno per 10 giorni.
Volevo sapere gentilmente dai voi dottori se mi devo preoccupare e se è il caso di rivolgersi ad un urologo/ andrologo di persona.
Grazie tante.

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Una valutazione specialistica urologica è doverosa. E' buono da immaginare che l'importante sforz fisico abbia causato (o eso più evidente9 qualcosa, ma a distanza e nell'impossibilità di poterla visitare, non possiamo dirle molto di più.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 557XXX

Grazie tante dottore.Farò al piú presto una visita specialistica e vi terro aggiornati.

[#3] dopo  
Utente 557XXX

Salve, ho fatto la visita e una nuova ecografia. Vi riporto il referto e la diagnosi.

Rene dx e sx nella norma, per sede, forma, dimensioni, ed ecostruttura. Non dilatazioni calicopieliche, né immagini da riferire a litiasi.
Vescica a pareti non ben distese ma apparentemente esenti da aggetti endoluminali.
La prostata, esaminata per via sovrapubica si presenta di normali dimensioni.
Testicolo dx e sx nella norma per sede, forma, dimensioni ed ecostruttura. Lieve idrocele bilaterale più evidente a dx ( nella precedente ecografia era più evidente a sx). Presenza di piccola cisti della testa dell'epididimo a dx di 3 mm. A carico della testa dell'epididimo sx presenza di due aree ipoecogene di circa 0,6 cm.

Visita urologica

Alla digito esplorazione rettale la prostata è di dimensioni nella norma e di consistenza parenchimatosa. Non dolente alla digitopressione. Superficie regolare e margini ben delimitabili. Solco mediano conservato. Pene normoconformato con meato uretrale esterno nella sua normale sede e pervio. Testicolo dx e sx nella norma per sede, forma, dimensioni e consistenza.

Mi hanno diagnosticato ,anche se non l'hanno scritto nella diagnosi, una lieve fimosi.

Dopo 10 giorni di Flaminase Il dolore è passato, è rimasto soltanto un po di bruciore, sempre ai testicoli, ma
sopportabile e lieve.

Come cura l'urologo mi ha dato Brufen da 600 mg per 4-5 giorni e poi proseguire con Lampofen per 14 giorni.
Tra un mese dovrò rifare la visita.
Volevo un vostro parere sul referto e sulla diagnosi e in più vorrei sapere se posso stare tranquillo in merito alle due aree ipoecogene presenti nel testicolo sx. Grazie tante.

[#4]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Rileviamo unicamente delle piccolissime cisti spematiche, prive di qualsiasi significato. Stia tranquillo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing