LA MOTIVAZIONE IN PSICOLOGIA EVOLUZIONISTICA. Configurazioni vestigiali e loro effetti sui comportamenti fobici e attrattivi: dalla bulimia, all'emarginazione del malato, alle fobie

Descrizione

Il libro rappresenta la prima trattazione sistematica della motivazione umana in psicologia evoluzionistica. Il focus punta sui dispositivi "vestigiali" nella specie Homo Sapiens e su come tali meccanismi determinino forme disfunzionali di motivazione attrattiva (quali ad esempio la predilezione per i cibi grassi e dolci) nonché di motivazione aversiva, come la disease avoidance e talune fobie specifiche. Pregevole risulta la definizione di vestigialità, che, partendo dalle basi darwiniane, trova una spiegazione più moderna nel rapporto tra mondo psichico ed ecologia, intesa come "sistema" e criterio di misura per determinare il valore adativo o disadattivo di un dispositivo neuropsicologico, per come il concetto è inteso in ambito evoluzionistico. 

01.03.21 112