I ricercatori prevedono lo sviluppo di un'interfaccia cervello / reti che collega i neuroni alle reti internet in tempo reale.

 

Immagina una tecnologia futura che fornisca accesso immediato alla conoscenza e all'intelligenza artificiale del mondo, semplicemente pensando a un argomento o a una domanda specifici.

Le comunicazioni, l'istruzione, il lavoro e il mondo come lo conosciamo si trasformerebbero.

 

In  Neuroscience, una collaborazione internazionale condotta da ricercatori dell'Università di Berkeley e dall'Istituto statunitense per la produzione molecolare, prevede che il progresso esponenziale in nanotecnologia, nanomedicina, intelligenza artificiale e computazione condurrà questo secolo allo sviluppo di un'interfaccia "cervello umano / internet" "(B / CI), che collega neuroni e sinapsi nel cervello a vaste reti di cloud computing in tempo reale.

Nanobot sul cervello

Il concetto di B / CI è stato inizialmente proposto dall'inventore futurista autore Ray Kurzweil, il quale ha suggerito che i nanorobot neuronali - creati da un'idea di Robert Freitas, Jr., autore senior della ricerca - potrebbero essere utilizzati per collegare la neocorteccia del cervello umano a un "Neocortex sintetico" nel cloud.

La nostra neocorteccia rugosa è la parte più nuova, più intelligente, "cosciente" del cervello.

I nanorobots neurali proposti da Freitas fornirebbero un monitoraggio e un controllo diretto e in tempo reale dei segnali da e verso le cellule cerebrali.

"Questi dispositivi navigheranno il sistema vascolare umano, attraverseranno la barriera emato-encefalica e si posizioneranno precisamente tra loro, o persino all'interno delle cellule cerebrali", spiega Freitas. "Avrebbero quindi trasmesso in modalità wireless le informazioni codificate da e verso una rete di supercomputer basata su cloud per il monitoraggio dello stato cerebrale in tempo reale e l'estrazione dei dati."

L'internet dei pensieri

Questa corteccia nella nuvola consentirebbe il download di informazioni in stile "Matrix" al cervello, sostiene il gruppo.

"Un sistema B / CI umano mediato da neuronorobotici potrebbe consentire alle persone con accesso istantaneo a tutte le conoscenze umane cumulative disponibili nel cloud, migliorando significativamente le capacità di apprendimento umano e l'intelligenza", afferma l'autore principale Dr. Nuno Martins.

La tecnologia B / CI potrebbe anche permetterci di creare un futuro "superbrain globale" che connetterebbe reti di cervelli umani e intelligenza artificiale per consentire il pensiero collettivo.

"Sebbene non sia ancora particolarmente sofisticato, un sistema sperimentale umano" BrainNet "è già stato testato, consentendo lo scambio di informazioni guidato dalla nuvola tra i singoli cervelli", spiega Martins. "Utilizzava segnali elettrici registrati attraverso il cranio di" emittenti "e la stimolazione magnetica attraverso il cranio di" ricevitori ", consentendo di eseguire compiti cooperativi.

"Con l'avanzare della neuralnanorobotica, prevediamo la futura creazione di" superpiani "in grado di sfruttare i pensieri e il potere di pensiero di qualsiasi numero di uomini e macchine in tempo reale. Questa cognizione condivisa potrebbe rivoluzionare la democrazia, migliorare l'empatia e infine riunire gruppi culturalmente diversi in una società veramente globale ".

Quando possiamo connetterci?

Secondo le stime del gruppo, anche i supercomputer esistenti hanno velocità di elaborazione in grado di gestire i necessari volumi di dati neurali per B / CI e stanno diventando più veloci.

Piuttosto, il trasferimento di dati neurali da e verso i supercomputer nel cloud è probabilmente il collo di bottiglia definitivo nello sviluppo di B / CI.

"Questa sfida include non solo la ricerca della larghezza di banda per la trasmissione di dati globali," avverte Martins, "ma anche, come abilitare lo scambio di dati con i neuroni attraverso piccoli dispositivi inseriti nel profondo del cervello."

Una soluzione proposta dagli autori è l'uso di 'nanoparticelle magnetoelettriche' per amplificare efficacemente la comunicazione tra i neuroni e la nuvola.

 

 

La tecnologia B / CI potrebbe anche permetterci di creare un futuro "superbrain globale" che connetterebbe reti di cervelli umani e intelligenza artificiale per consentire il pensiero collettivo. L'immagine è nel pubblico pubblico.

"Queste nanoparticelle sono state già utilizzate nei topi viventi per accoppiare campi magnetici esterni a campi elettrici neuronali, cioè per rilevare e amplificare localmente questi segnali magnetici e consentire loro di alterare l'attività elettrica dei neuroni", spiega Martins. "Questo potrebbe funzionare anche al contrario: i segnali elettrici prodotti da neuroni e nanorobot potrebbero essere amplificati tramite nanoparticelle magnetoelettriche, per consentire il loro rilevamento al di fuori del cranio."

Ottenere queste nanoparticelle - e nanorobot - in modo sicuro nel cervello attraverso la circolazione, sarebbe forse la più grande sfida di tutti in B / CI.

"Prima di poter essere considerati per lo sviluppo umano è necessaria un'analisi dettagliata della biodistribuzione e della biocompatibilità delle nanoparticelle. Tuttavia, con queste e altre tecnologie promettenti per il B / CI che si sviluppano a un ritmo sempre crescente, una "rete di pensieri" potrebbe diventare una realtà prima del volgere del secolo ", conclude Martins.

A PROPOSITO DI QUESTO ARTICOLO DI RICERCA SULLE NEUROSCIENZE

Fonte: Frontiers 
Contatti multimediali: Matt Prior - Frontiers 
Image Source:L'immagine è pubblica.

Ricerca originale: accesso aperto. "Human Brain / Cloud Interface"
Nuno RB Martins et al. Frontiers in Neuroscience Pubblicato online: 29 marzo 2019 doi: 10.3389 / fnins.2019.00112

Logo medicitalia.it