dolori alle gambe con conseguente impossibilità momentanea di camminare

Salute: confronti e condivisioni tra utenti


512xxx
utente 
Ciao a tutti,
volevo esprimere con voi la mia storia sentendo anche un vostro parere.
nel giro di 7 mesi ho avuto 2 ricoveri. il problema di questi è che in entrambi i casi i dottori hanno detto che lo facevo apposta per attirare l'attenzione dei miei genitori a causa del loro divorzio ma io sapevo, e tutt'ora so, che non può essere così.
il primo ricovero è avvenuto perchè all'improvviso mi sono addormentata (sentendomi stanchissima) e non rispondendo più a nessun comando. non ricordo nulla di ciò che è successo a parte il fatto che al mio risveglio ero in ambulanza e sentivo di aver perso la sensibilità in tutta la part sinistra del corpo.
Esami su esami, una settimana per farmi riprendere la forza nella gamba e nel braccio mentre ancora a volte faccio fatica a parlare, ma nulla, per loro era tutto dovuto allo stress.
mi rimetto e 3 mesi dopo all'improvviso sento dei dolori fortissimi alla schiena quasi da non respirare e mentre venivo portata in ospedale inizio a sentire la mancanza di forza al braccio e gamba sinistra ma rimango sempre vigile e attenta.
Vengo nuovamente ricoverata ma la mattina seguente avevo ripreso la forza nel braccio ma non avevo più sensibilità e forza in entrambe le gambe.
Per 3 giorni ho avuto movimenti solo in sedia a rotelle e per le settimane seguenti (circa 3) prima il deambulatore e poi le stampelle.
Morale della favola anche in questo caso non risultava nulla dagli esami e mi hanno dimesso dicendomi che dovevo seguire una cura psicologica utilizzando anche antidepressivi.

3 giorni fa (a distanza di 5 mesi) mi sveglio e ho gli stessi problemi alle gambe (dolori e mancanza di forza) non riuscendo a camminare in autonomia e con l'aiuto delle stampelle.

Ecco questa è la situazione che mi porto dietro da 9 mesi non avendo risposte e sentendomi dire solamente che sono pazza e depressa cosa non vera in quanto ho una vita serena e sono la ragazza più tranquilla che ci possa essere.

potete dirmi che ne pensate?
#1  
     

vincenzosidoti
medico 
Un po' difficile purtoppo darle un parere solo sulla sua storia. Occorrerebbe visionare un po' di documentazione clinica (obiettvità, esami etc..)
#2  
     

Inserisci qui sotto tua risposta

Esegui l'accesso per inserire la tua risposta