Torna a Medicitalia.it oppure fai il LogIn     

Ultimi aggiornamenti da Medicitalia:

Feed RSS Dr. Alessandro Cappelli

torna alle news
 

Perché un dente devitalizzato fa male?

 Odontoiatria e odontostomatologia - News generale del 11/01/2012 - 77594 visite

Ma se il dente è stato devitalizzato come è possibile che io senta dolore ?

Quante volte sentiamo dire “dottore, come e’ possibile che il dente che e’ stato devitalizzato mi fa’ male? Non era stato tolto il nervo?

E naturalmente quello che  i pazienti sottintendono e’ “quello che me lo ha devitalizzato ha lasciato dentro un po’ di nervo”.

Naturalmente non e’ così.

Per prima cosa vorrei pero' distinguere la situazione in cui il dente e' stato devitalizzato da pochi giorni, rispetto a quella in cui il dente devitalizzato  che precentemente non aveva mai dato fastidio, poi comincia  a farsi sentire.

Nel primo caso la cosa e' assolutamente normale e puo' dipendere dalla lavorazione con appositi strumenti che possono portare materiale canalare infetto oltre apice e generalmente scompare dopo pochi giorni.

Nel secondo caso (dente devitalizzato da tempo) invece la cosa e' differente.

Per spiegarlo vi faccio l’esempio di quando mordete per sbaglio una cosa molto dura:in quella occasione sentite un vivo dolore che vi fa’ immediatamente aprire la bocca. Questo significa che sono stati stimolati oltre la soglia consentita i recettori di pressione che trasformano la sensazione normale di pressione in una sensazione di dolore.

Ebbene tutto il dente e’ circondato da questi recettori di pressione che NON vengono eliminati quando si procede alla devitalizzazione che consiste nella eliminazione della polpa dentaria  il dente.

E quindi un dente devitalizzato registra le pressioni eccessive allo stesso modo di un dente vitale.

Altro esempio e quello di un piccolo foruncolo della pelle di cui non accorgete se non quando lo toccate o premete accidentalmente .

In questo caso la zona infetta ,per effetto della situazione di infiammazione, presenta una situazione di acuta ricettivita’ agli stimoli che si attiva in forma di dolore quando premete .

E’ quello che succede quando sulla punta del dente o attorno alle radici si stabilisce un processo infettivo / infiammatorio per cui quando premete sul dente andate a stimolare una zona infiammata che viene sollecitata. Ad esempio quando avete una sinusite mascellare e i denti al di sotto del seno mascellare fanno male quando masticate.

 

Quindi ci sono varie situazioni in cui un dente devitalizzato puo’ fare male:

1) Quanto si e’ sviluppata una infezione sulla punta del dente (ad esempio quando batteri sono rimasti nel canale nonostante la prima cura canalare).

2) Quando la forza di masticazione supera il limite consentito oppure quando il dente e’ in sovraccarico cioe’ registra costantemente una forza eccessiva per le sue capacita’ di sopportarla.

3) Quando c’e’ una infiammazione del legamento che tiene ancorato il dente all’osso come nelle parodontiti.

4) Quando si e’ fratturato.

5) Quando ha subito un trauma o colpo.

6) Quando e’ nel territorio di un nervo infiammato.

7) Quando e’ nel territorio di un seno mascellare infiammato.

 

Conclusione: un dente devitalizzato, anche a regola d’arte, può sentire dolore!


Altri articoli di Dr. Alessandro Cappelli:

Commenti alla news:
3. Utente 269648 il 07/10/2012 ha scritto:
qual è la cura?
4. Utente 269648 il 07/10/2012 ha scritto:
perchè dopo la devitalizzazione sento una pressione alla gengiva dolorante e sono 2 settimana ke sopporto il dolore..il ciclo di antibiotici l ho fatto ma niente da fare..cosa devo fare?
5. Dr. Daniele Tonlorenzi il 08/10/2012 ha scritto:
Bella news chiara semplice utile per gli utenti. Bravo
6. Dr. Alessandro Cappelli il 08/10/2012 ha scritto:
Qual'e' la cura^
Nel primo caso( dente apena devitalizzato) attendere con fiducia la scomparsa dei sintomi-
Nel secondo caso (dente devitalizzato da tempo)procedere ad un ritrattamento canalare cioe' allo svuotamento di quanto era stato messo nel canale e ricominciare dall'inizio la cura canalare(devitalizzazione).
Nei casi specifici( sinusiti, fratture etc) la terapia e' naturalmente diversa
7. Dr. Alessandro Cappelli il 08/10/2012 ha scritto:
perchè dopo la devitalizzazione sento una pressione alla gengiva dolorante e sono 2 settimana ke sopporto il dolore..il ciclo di antibiotici l ho fatto ma niente da fare..cosa devo fare?

Dopo 2 settimane il dolore non e' normale. Si puo' pensare ad una persistenza di un focolaio infettivo che non e' stato raggiunto e debvellato dal trattamento effettuato.
Consiglio una nuova visita (con radiografie) per capirne esattamente le cause.Forse sarar' necessario reintervenire.
8. Dr. Alessandro Cappelli il 08/10/2012 ha scritto:
Bella news chiara semplice utile per gli utenti. Bravo

Un sentito ringraziamento , veramente molto gratificante perche' proveniente da un valido collega che gode della mia stima.
Grazie
9. Utente 284617 il 07/01/2013 ha scritto:
Nel caso 6) Quando e’ nel territorio di un nervo infiammato.
Come si dovrebbe intervenire?
Nel dettaglio: il mio dente è stato devitalizzato perchè una carie è stata curata male , ovvero dopo la prima eliminazione della carie era rimasta della carie residua e ciò ha compromesso il nervo del dente, a distanza di 1 anno dalla seconda cura della carie ho accusato un fastidio all'orecchio in particolare il medico mi ha detto che sicuramente è il trigemino infiammato a causa del dente, quindi è stato devitalizzato, dai raggi la devitalizzazione sembra effettuatta bene ovvero tutti e tre canali sono chiusi con i coni di guttaperga fino all'apice (terzo molare a partire dalla mola del giudizio superiore),dalla devitalizzazione del dente quanto tempo passa prima che il nerve torna ad uno stato non infiammato? Perchè altrimenti è un loop infinito. Cosa devo fare?
10. Dr. Alessandro Cappelli il 07/02/2013 ha scritto:
Anche in questo caso rispondo con ritardo e me ne dolgo.

Anche in questo caso rispondo con ritardo e me ne scuso
Risposta:
Bisogna distinguere tra una nevralgia del trigemino( che ha caratteristiche di manifestazione , di insorgenza e di localizzazione topografica ben precise) che puo' avere varie cause ,da una nevralgia dipendente dalla infiammazione del nervo del singolo dente.
Nel primo caso non e' affatto detto che la devitalizzazione del dente possa risolvere la situazione .
Nel secondo sicuramente si.
Quindi se lei seguita ad accusare dolore dopo la devitalizzazione corretta del dente il problema non risiedeva nel dente stesso.
Cordiali saluti
11. Utente 302347 il 02/05/2013 ha scritto:
Buona sera Dottore.
Mi è stato devitalizzato un dente lunedì. Siccome mi faceva un po' male, soprattutto la sera, oggi sono tornata dal dentista che mi ha tolto la medicazione, devitalizzato ancora un po' e richiuso con un altro tipo di medicazione, che lascia "respirare" di più il dente.
Il problema è che adesso fa malissimo!! E poi il dente non sopporta neanche un minimo di pressione. E' normale? Scusi il disturbo, ma mi agito un po' facilmente.
Grazie e buona serata.
Jasmine
12. Utente 161199 il 05/10/2013 ha scritto:
Gentilissimo dottore, premetto di aver da sempre problemi con i denti. da qualche settimana avverto dolore nella parte dx, il dentista mi ha devitalizzato il dente del giudizio inferiore, io sentivo ancora più male rispetto a prima, e oggi mi ha tolto e rimesso una nuova medicazione, e mi ha prescritto un antibiotico per sospetta infezione, e dice che ci aggiorneremo tra qualche giorno. la mia domanda, che porrò senz altro anche a lui, è: ma non era meglio toglierlo a questo punto? io ho alle spalle ormai diverse notti di poco sonno a causa del dolore, che mi hanno parecchio debilitata, prendo aulin ma fa quel che può. spero che l antibiotico sarà, nel giro di qualche giorno, risolutivo, ma dal suo punto di vista, il fatto di limitarsi a devitalizzarlo anzichè toglierlo , può essere penalizzante, soprattutto per il futuro? grazie mille

Aggiungi commento


Clicca qui per accedere con il tuo utente oppure registrati gratuitamente per commentare.

 

L'autore ha scelto le seguenti regole per commentare questa news:
O [commenti AMMESSI da parte dei professionisti iscritti]
O [commenti AMMESSI da parte degli utenti]


 

Condizioni di utilizzo
MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento, sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il medico curante. No al fai da te: affidati sempre al tuo medico di fiducia.

Autori e copyright
Per partecipare a Medicitalia ogni professionista invia la documentazione della propria abilitazione professionale.
Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti.
E' vietata la riproduzione e la divulgazione, anche parziale, senza autorizzazione scritta.

Dichiarazione di conformità alle linee guida emanate dall'Ordine:
Il sottoscritto Dr. Alessandro Cappelli dichiara che il messaggio informativo contenuto nel presente sito è diramato nel rispetto delle linee guida approvate dalla FNOMCeO inerenti l’applicazione degli artt. 55, 56 e 57 del Nuovo Codice di Deontologia Medica.