Le donne affette da sindrome dell’ovaio policistico, devono stare più attente, e controllare la salute del cuore.

Da uno studio coordinato dalla dott.ssa Rosanna Apa dell’Università Cattolica di Roma, e pubblicato sulla rivista scientifica” Fertlity & Sterility”, è emerso che le donne affette da sindrome dell’ovaio policistico, sono più predisposte a sviluppare con gli anni malattie cardiovascolari e disturbi metabolici.

In particolare,  questo studio portato avanti da ginecologi e cardiologi dell’Università Cattolica, nel Policlinico Gemelli di Roma, ha dimostrato che pazienti affette da angina instabile hanno valori più alti di una particolare sottopopolazione di linfociti T , che sono stati riscontrati in quantità più elevate anche nelle pazienti affette da ovaio policistico.

La novità che emerge da questo lavoro quindi, è la possibilità per il futuro di utilizzare la valutazione di questa anomalia del sistema immunitario, presente sia nei soggetti affetti da angina instabile, che nelle ragazze affette da ovaio policistico prese in esame, come possibile marker di rischio per patologie cardiovascolari.

 

 Per approfondire:

 http://bibliotecabiomedica.wordpress.com/2011/05/31/ovaio-policistico-legame-con-rischi-cardiovascolari/