L'assunzione di yogurt magro in gravidanza sembra essere associato ad un maggior rischio di insorgenza di asma e rinite allergica in bambini di 7 anni di età.

E' quanto emerge da uno studio presentato nei giorni scorsi al Congresso Annuale della European Respiratory Society ad Amsterdam.

Sono state analizzate in uno studio prospettico oltre 100 mila gravidanze tra il 1996 ed il 2002 in Danimarca.

Si e' visto che le donne che avevano assunto yogurt magro durante la gravidanza almeno una volta al giorno, hanno avuto figli con un aumentato rischio di asma rispetto a quelle che non avevavo fatto uso. Questi bambini avevano inoltre maggiore predisposizione alla rinite allergica ed ai sintomi asmatici. Al contrario l'assunzione di latte intero durante la gravidanza avrebbe un ruolo protettivo.

La motivazione di questo effetto non e' ancora ben chiara, ma sembrerebbe essere collegata alla presenza di acidi grassi (acido linoleico coniugato CLA), differente rispetto agli acidi grassi essenziali.

Altri ricercatori suggeriscono che il problema potrebbe essere dovuto allo zucchero, a quello artificiale o al contenuto proteico. Tutte queste ipotesi devono essere ulteriormente indagate.

L'utilizzo infatti dell'acido linoleico coniugato e' stato ridotto negli anni passati dalle industrie del settore (margarina, ad esempio) per problemi di natura allergica.

Bisognerà dimostrare con ulteriori studi se il problema e' dovuto a questi acidi grassi o piuttosto ad uno "stile di vita" cosiddetto "sano", con l'utilizzo di yogurt o latte scremato, maggiormente correlato al rischio di insorgenza di fenomeni allergici o asmatici.