Effetto del Femtolaser sul cristallinoIl crosslinking del collagene corneale e' assolutamente una tecnica affidabile per il trattamento del cheratocono e delle ectasie corneali dopo chirurgia refrattiva.

Recentemente l'impiego del crosslinking corneale e' stato esteso ad altre indicazioni come il trattamento delle cheratiti infettive resistenti a terapia ( Marino Luigi -Micochero Diego  primi con una relazione in tal senso a Societa' italiana di Laser in Oftalmologia SILO 2007 Cortina d'Ampezzo), e nel trattamento delle erosioni corneali recidivanti (Micochero Diego  SILO 2010 Cortina d'Ampezzo ).

Un limite al trattamento CXL linking era rappresentato dalla durata dell'intervento, sia nella tecnica standard che trans epiteliale.

Con la iontoforesi si e' invece aggiunta alla efficacia del trattamento una maggiore sicurezza, facilita' e rapidita'.

La IONTOFORESI

(dal greco iontos = ione e phoresis = trasporto , quindi iontoforesi = trasporto di ioni) dunque e' il trasferimento di molecole all'interno dei tessuti da trattare , per farlo utilizziamo una carica elettrica a bassissima intensita'.

Il sistema della iontoforesi applicata per il crosslinking corneale con riboflavina, e' costituito da un generatore elettrico  un elettrodo positivo a forma di cerotto, un apllicatore corneale che contiene un elettrodo negativo.

Il trattamento CXL con Iontoforesi viene effettuato posizionando l'eletrodo positivo sulla fronte del paziente, l'applicatore conneale con la griglia negativa si posiziona sulla cornea.

I dati pre clinici hanno dimostrato in  tutto il mondo l'efficacia e la sicurezza di questa nuova tecnica in cui la iontoforesi si coniuga con il crosslinking corneale con riboflavina.

La iontoforesi quindi coniuga dunque i benefici della tecnica TRANSEPITELIALE ai vantaggi della TECNICA STANDARD nota anche come EPI - OFF, il tutto con un intervento chirurgico con tempi piu' rapidi.