Un nuovo studio psicologico alla University of Toronto e alla Tufts University rivela che le donne riescono a determinare con maggior precisione l’orientamento sessuale degli uomini, quando sono vicine al picco di ovulazione. Inoltre, anche i pensieri romantici e di accoppiamento affinano nella donna la capacità di distinguere fra uomini gay ed etero.


“L’effetto non si manifesta quando la donna sta tentando di valutare l’orientamento sessuale di un’altra donna” dice il Prof. N. Rule, del dipartimento di psicologia della UoT, leader dello studio. “Ciò suggerisce che il periodo fertile influenzi l’attenzione della donna eterosessuale verso i potenziali partner, piuttosto che innalzare solo la sensibilità verso l’orientamento sessuale o i segnali non verbali generali”.


Nel primo di 3 esperimenti, 40 donne hanno giudicato l’orientamento sessuale di 80 foto di uomini. Di questi 40 si erano autoidentificati come gay e 40 come etero. Gli uomini non differivano in attrattività o espressione facciale e le donne partecipanti sono state incoraggiate ad affidarsi alla propria intuizione per effettuare il riconoscimento. Ognuna di loro ha riferito il periodo di tempo trascorso dall’ultimo ciclo mestruale e la sua durata media. Nessuna di loro stava usando contraccettivi sistemici.


I ricercatori hanno correlato la precisione delle donne nel riconoscere gli uomini etero dai gay con il punto in cui si trovavano nel loro periodo fertile, scoprendo che quanto più erano vicine al picco di ovulazione, tanto più precise riuscivano a essere nel distinguere l’orientamento sessuale degli uomini raffigurati.


Il secondo esperimento ha coinvolto 34 donne che hanno osservato foto di altre donne, 100 delle quali autoidentificatesi come lesbiche e altre 100 come etero. I ricercatori non hanno rilevato alcuna correlazione fra fertilità e capacita di riconoscimento dell’orientamento sessuale.


“Presi insieme, questi risultati indicano che la precisione nelle donne di effettuare il riconoscimento possa variare a seconda del ciclo di fertilità, perché l’orientamento sessuale è rilevante ai fini del concepimento.”


I ricercatori hanno messo alla prova anche quest’ultima ipotesi, attraverso un terzo esperimento, in cui nelle donne veniva indotta una modalità di pensiero orientata alla riproduzione, allo scopo di manipolare la variabile della rilevanza riproduttiva. A metà delle partecipanti è stato chiesto di leggere una breve storia dai contenuti romantici, prima di eseguire gli stessi compiti dei due esperimenti precedenti, mentre all’altra metà no.


Il risultato è stato, infatti, che anche in questo caso le donne nelle quali era stata indotta la modalità di pensiero verso l’accoppiamento e stata significativamente più precisa delle altre nel giudicare l’orientamento sessuale degli uomini.


Fonte:

N. Rule et al. 2011. Psychologists find link between ovulation and women's ability to identify heterosexual men. University of Toronto.