Durante la mia pratica clinica quotidiana,mi capita frequentemente di custodire , grandi quote di dolore e sofferenza appartenenti a storie di vita molto complesse .
Molte coppie, si lamentano di astenia sessuale, di noia, di scarsa empatia sotto le lenzuola e di calo del desiderio sessuale.
La solitudine emozionale e l’assenza di comunicazione, sono caratteristiche ridondanti di una vita sessuale anemica e noiosa, spesso caratterizzata da una lunga lista di “alibi sessuali”.
A volte mi capita di trovare problematiche sessuologiche che si sostituiscono ad una mancanza di dialogo,il talamo diventa così il palcoscenico disfunzionale,dove mettere in scena dolore,inquietudine ed un pensionamento anticipato del desiderio sessuale.
Cosa fare in questi casi?
A chi rivolgersi?
Vivificare l’eros sopito, con strategici e terapeutici amanti o reinvestire nel sofferente e sbiadito rapporto di coppia?
Una diagnosi psico-sessuologica del reale disturbo, potrebbe indirizzare la coppia, verso un possibile percorso di terapia di coppia ad orientamento sessuale.
La terapia sessuologica,oltre alla risoluzione dei sintomi,agisce in maniera più caleidoscopica,insegnando ai partners a credere ancora,a sperare,ad emozionarsi nuovamente,a rinnovare quell’antico patto per cui si erano scelti
Le “carezze verbali”della terapia,vengono interiorizzate dai pazienti e fungono da antidoto alla cattiva cultura dei sentimenti della nostra epoca.
Oggi, l’arte dell’amore sembra essere in caduta libera,lasciando il posto all’aridità ed alla fretta di un quotidiano sempre più faticoso,che a volte contribuisce a velocizzare  un processo separativo.
Il lavoro terapeutico con le coppie,ripristina quell’alchimia iniziale,insegnando loro strategie terapeutiche per una  “manutenzione” continua del loro legame,dentro e fuori dal letto.
Ridare la parola al corpo sia sessuale,che emotivo,è uno degli obiettivi principali della terapia di coppia.
 Si lavora con la coppia e con il suo personale patrimonio di pelle,di sensi e di emozioni sopravvissute alla crisi e, spesso ai tradimenti.
 La terapia è un processo di “espansione” della sessualità,volto a liberare dalle inibizioni,incoraggiando la fisicità e trattando sui limiti, è una rieducazione all’arte dell’amore.
www.valeriarandone.it