0/0
Aggiungi ai preferiti

Nodulo superiore destro


sabato 28 aprile 2012 da Utente 230xxx
Gentilissimi Dottori , ieri ho eseguito una TC torace e una TC addome-perlvi ,il referto dice così :
TC TORACE :
L'esame è stato eseguito prima e durante l'infusione e.v. di mdc organoiodato.
Esiti apicali di processi flogistico.
Al segmento dorsale del lobo superiore destro, in corrispondenza della doccia paravertebrale omolateralmente si osserva nodulo aspecifico ( 62 mm).Tale reperto necessita di inquadramento clinico-anamnestico e di follow -up di controllo.
Alcune linfoadenopatie si osservano in sede paratracheale destra, nella finestra aorto-polmonare, all'arco aortico, la maggiore della quali delle dimensioni massime di 12 mm .
TC ADDOME-PELVI:
L'esame è stato acquisito con tecnica spirale trifasica, prima e durante somministrazione di m.d.c.organoiodato per via ev, previa opacizzazione del tratto gastroenterico con acqua.
Fegato normale per morfologia, dimensioni e valori tomodensitometrici.
Colecisti alitiasica.
Normali reperti Tdmetrici a carico di milza, pancreas, rei, surreni, e grossi vasi retropritoneali .
Non sono evidenti significative tumefazioni linfonodali a carico delle stazioni esaminate.
Organi pelvici nella norma.

Purtroppo non ci sarà il medico sino a mercoledì , e io sono in ansia...
Potreste darmi delle delucidazioni in merito a questa TC ?

Cordiali Saluti.

Segnala allo staff

Risponde dal 2004 il medico

Dr. Bruno Pasquotti

Specialista in:
Chirurgia toracica
Chirurgia generale

Esercita a:
AVIANO (PN)

Indice di partecipazione al sito: 20
indice medicitalia
Il nodulo polmonare al lobo superiore di destra va ulteriormente indagato per raggiungere la definizione istologica e quindi la diagnosi. Ci sono due metodiche per raggiungere questo obiettivo. La broncoscopia eventualmente con l'ausilio dell'amplificatore di brillanza (apparecchio radiologico che vede il percorso della sonda broncoscopica) o la biopsia sotto guida TAC. In base alla diagnosi e se questa dovesse risultare positiva per un tumore, si valuterà a necessità o meno di proceddere con una PET/TC che fornirà una stadiazione clinica della malattia. Mancano i dati relativi alla sua anamnesi che potrebbero orientare verso un sospetto diagnostico o quanto meno una radiografia del torace di qualche anno fa per valutare nel tempo la progressione del nodulo. Cordialmente

Dr. Bruno Pasquotti
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
domenica 29 aprile 2012, dopo 13 ore
replica #1  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 230xxx
Buonasera Dottor Pasquotti, le ringrazio per la sua cortese risposta. Controllando tra i miei documenti ho trovato l'ultima RX che risale al settembre 2009 "Non si osservano lesioni pleuroparenchimali in atto. Immagine cardiovascolare regolare". Ho fatto il 29 febbraio 2012 una Risonanza Magnetica rachide lombare e sacro iliache e mi avevano riscontrato questo: "ESAME ESEGUITO CON TECNICA STIR,TSE-T1 E TSE-T2 SECONDO PIANI DI SCANSIONE SAGITTALI ED ASSIALI.ATTEGGIAMENTO SCOLIOTICO SN-CONVESSO DEL RACHIDE LOMBARE.DIFFUSI SEGNI DI SPONDILOSI.ARTROSI INTERAPOFISARIA DI ENTITA PARTICOLARMENTE SIGNIFICATIVA A LIVELLO L3-L4, L4-L5 E L5-S1.DISCOPATIA DEGENERATIVA DIFFUSA.STENOSI CANALARE DI TIPO MISTO A LIVELLO DEL TRATTO COMPRESO TRA L2 E L5 SOSTENUTA DALLA CONGENITA BREVITA DEI PEDUNCOLI,DALLA PROTRUSIONE POSTERIORE DIFFUSA DEI DISCHI INTERSOMATICI, DALL,IPERTROFIA DEI PROCESSI ARTICOLARI INTERAPOFISARI E DALL,ISPESSIMENTO DEI LEGAMENTI GIALLI, LA STENOSI CANALARE APPARE PIU SIGNIFICATIVA IN L4-L5 A CAUSA DELL,ANTEROLISTESI DEGENERATIVA DI L4 E SI ASSOCIA A TALE LIVELLO ALLA RIDUZIONE IN ANPIEZZA DEI NEUROFORAMI,SPECIE SUL LATO DESTRO. RIDOTTI IN AMPIEZZA ANCHE I NEUROFORAMI L3-L4.BILATERALE EDEMA REATTIVO-DASOVRACCARICO DEI PEDUNCOLI DI L5. CONO MIDOLLARE NORMO POSIZIONATO E DI REGOLARE SEGNALE. RM ARTICOLAZIONI SACRO ILIACHE. SI SEGNALA UN AREA FOCALE DI IPOINTENSITA DI SEGNALE NELLE SEQUENZE T1 PESATE - OSTEOADDENSAMENTO? - A LIVELLO DEL VERSANTE ILIACO DELL'ARTICOLAZIONE SACRO-ILIACA DESTRA,A MARGINI SFUMATI,DEL DIAM.DI CIRCA 2,5 CM, LOCALIZZATA A LIVELLO CENTROMIDOLLARE E NON IN SEDE SUBCONDRALE, PRIVA DI EDEMA REATTIVO, DI SIGNIFICATO ASPECIFICO E NON SICURAMENTE PATOLOGICO; SI CONSIGLIA COMUNQUE ESEGUIRE ULTERIORI ACCERTAMENTI (EVENTUALE STUDIO SCINTIGRAFICO ) E FOLLOW-UP RM. IN RELAZIONE AL QUESITO CLINICO PROPOSTO NON SONO EVIDENTI SEGNI DI SACRO -ILEITE". Dottore, poi le avevo posto una domanda sul mio ultimo referto questo "Alcune linfoadenopatie si osservano in sede paratracheale destra, nella finestra aorto-polmonare, all'arco aortico, la maggiore della quali delle dimensioni massime di 12 mm " Queste LINFOADENOPATIE possono essere benigne o maligne? La ringrazio cordiali saluti.

domenica 29 aprile 2012, dopo 12 ore
replica #2  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2004 il medico

Dr. Bruno Pasquotti

Specialista in:
Chirurgia toracica
Chirurgia generale

Esercita a:
AVIANO (PN)

Indice di partecipazione al sito: 20
indice medicitalia
La RMN mi sembra, senza aver visto i radiogrammi e sulla sola refertazione, negativa. Niente che faccia sospettare lesioni secondarie da tumore. caldeggio la definizione istologica del nodulo, considerando anche che questo era assente nel radiogramma precedente. Le adenopatie sono espressione di linfonodi ingrossati e le cause possono essere varie. La broncoscopia potrà fornire indicazioni anche su questi linfonodi (almeno quelli paratracheali e/o sottocarenali).

Dr. Bruno Pasquotti
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
lunedì 30 aprile 2012, dopo 16 ore
replica #3  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Francesco Inzirillo

Specialista in:
Chirurgia toracica

Perfezionato in:
Chirurgia toracica

Esercita a:
MILANO (MI)
SONDALO (SO)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 121
indice medicitalia
Gentile utente
Condivido le opinioni del Dr Pasquotti.
La conferma istologica è necessaria soprattutto dei linfonodi mediastinici anche se, per poter esprimere pareri adeguati sarebbe necessario poter visualizzare le immagini.
In linea generale non si puo prescindere da una adeguata valutazione dello stato linfonodale mediastinico perchè in relazione alla natura dei linfonodi le opzioni terapeutiche sono differenti.
Direi di cominciare a fare una TC/PET ed in caso di captazione del nodulo e dei linfonodi si rende necessaria la conferma istologica dapprima dei linfonodi.
Tale conferma istologica dei linfonodi si può ottenere mediante videomediastinoscopia o anche con altre tecniche mininvasive endoscopiche endobronchiali (la scelta della tecnica dipende dalle dimensioni e dalla posizione precisa dei linfonodi)

Dr. Francesco Inzirillo
- Ospedale "Morelli" - Sondalo
- Istituto Clinico Humanitas - Milano
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
martedì 1 maggio 2012, dopo 19 ore
replica #4  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 230xxx
Salve, grazie per la vostre cortese risposte. Volevo specificare che nella mia famiglia mia sorella e mio fratello erano malati di tumore, mia sorella aveva un tumore al polmone e mio fratello sempre al polmone e al mediastino, a un altro fratello che ha avuto un tumore ai polmoni ed è stato operato per asportare metà polmone e vive ancora, mio padre è morto di tumore al polmone all'età di 61 anni. Vista la nostra familiarità un po' di paura ce l'avrei. Domani ha una visita presso il Chirurgo Vertebrale che doveva operarmi e che mi aveva ordinato la TAC che ho già evidenziato, quindi penso che l'operazione alla colonna passerà in secondo luogo. Volevo fare una domanda, l'RX che ho fatto nel 2009 che ho fatto presso una clinica privata dov'ero ricoverata, mi hanno rilasciato la cartella clinica e non le immagini, posso fare richiesta presso questa clinica per avere le immagini? Per confrontarla con le ultime per vedere se c'è stato anche un errore di valutazione da parte loro. Distinti Saluti.

martedì 1 maggio 2012, dopo 13 ore
replica #5  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Francesco Inzirillo

Specialista in:
Chirurgia toracica

Perfezionato in:
Chirurgia toracica

Esercita a:
MILANO (MI)
SONDALO (SO)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 121
indice medicitalia
Direi che la familiarità c'è eccome!
Il confronto con indagini precedenti è sempre utile ma consideri che una rx del 2009 è da considerare vecchia. In tre anni può succedere di tutto.

Dr. Francesco Inzirillo
- Ospedale "Morelli" - Sondalo
- Istituto Clinico Humanitas - Milano
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 2 maggio 2012, dopo 1 ore
replica #6  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 230xxx
Grazie dott.Inzirillo per avermi risposto subito..mi e di grande conforto parlare con voi,..mi state aiutando tantissimo,vorrei sapere sempre se possibile un consiglio: devo andare da un chirurgo toracico?lei mi puo consigliare...io sono di Cagliari.Cordiali saluti

mercoledì 2 maggio 2012, dopo 14 ore
replica #7  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 230xxx
Buona sera,stasera sono andata dal neurochirurgo con il referto della tac,mi ha detto che non vedeva nulla che potesse far pensare a un tumore ma che poteva anche essere una tubercolosi del polmone una cosa vecchia e che si poteva fare l,intervento alla colonna,Io gli ho detto che non ero d,accordo e che volevo prima risolvere la storia del polmone.Ha voluto il referto per farlo vedere a un radiologo di sua fiducia,tra una settimana ci dobbiamo rivedere.Sono andata dal mio medico di base e lui mi ha detto che dovevo fare subito una visita dal pneumologo,domani prenoto poi vi faro sapere.cordiali saluti

giovedì 3 maggio 2012
replica #8  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 230xxx
Gentili dottori, sono andata dal pneumologo ha visto subito il dischetto della tac e mi ha detto subito che il nodulo non era di sei cm ma di sei mm devo dire che ero felicissima della notizia..poi per maggior sicurezza lo ha fatto vedere anche ad un altro radiologo che ha confermato la sua versione.poi mi ha visitato e mi ha riscontrato una BPCO e mi ha prescritto la BODY TEST e DLCO poi mi ha prescritto la tac di controllo tra sei mesi ora io mi chiedo come si può essere cosi superficiali con la vita altrui............Poi ora mi sorge un dubbio chi devo credere ? Attendo una vostra gentile risposta. Cordiali saluti

mercoledì 16 maggio 2012
replica #9  -  Segnala allo staff
Risponde dal 2008 il medico

Dr. Francesco Inzirillo

Specialista in:
Chirurgia toracica

Perfezionato in:
Chirurgia toracica

Esercita a:
MILANO (MI)
SONDALO (SO)

Referente d'area
Indice di partecipazione al sito: 121
indice medicitalia
6 mm sono completamente diversi da 6 cm.
Capisce perchè per via telematica non si possono esprimere giudizi seri basati solo sulla lettura di referti?
Io direi che la cosa più opportuna è farsi seguire dai colleghi che la possono visitare direttamente e che possono vedere le immagini.

Dr. Francesco Inzirillo
- Ospedale "Morelli" - Sondalo
- Istituto Clinico Humanitas - Milano
Vota il consulto: vota come INUTILE vota come UTILE
mercoledì 16 maggio 2012, dopo 7 ore
replica #10  -  Segnala allo staff
Replica dell'
Utente 230xxx
Grazie mille per la sua gentile risposta.....ora mi sento più tranquilla e sono pronta ad affrontare l,intervento alla colonna .cordiali saluti.

mercoledì 16 maggio 2012, dopo 3 ore
replica #11  -  Segnala allo staff
 

 

Vuoi rispondere al consulto?


Esegui il login (registrati e inserisci utente e password) e ti apparirà in questo spazio arancione il modulo in cui scrivere il testo.
 
 
 
advertising
 

Gratis il tuo consulto ora!

 

Dizionario Medico:

 
 
 
 
 

News dai blog degli specialisti:

 
Medicitalia sito dell'anno 2013
ultima modifica:  01/07/2014 - 0,19        © 2000-2014 medicitalia.it è un marchio registrato di MEDICITALIA s.r.l. - P.I. 01582700090 - staff@medicitalia.it - Fax: 02 89950896        Privacy Policy