Utente 250XXX
Gentilissimo dottori,
premetto che sono maschio eterosessuale di 28 anni.
Ecco il mio problema: dopo aver avuto un rapporto anale non protetto con la mia fidanzata, ho avuto la comparsa di una lesione sul pene (tipo abrasione) durata circa 1 settimana. Scomparsa tale lesione ho notato che il pene aveva persistentemente un cattivo odore (come di pesce marcio). Oltre a cio tra prepuzio e glande si forma una sostanza viscida e trasparente. Nonostante la mia igiene intima sia accuratissima tale fastidiosissimo odore non scompare.
Mi sono rivolto al mio medico curante, il quale mi ha prescritto delle lavande e l'uso di sapone intimo "Bergamon". Il problema non si è risolto affatto.
Vi chiedo consiglio sugli esami da effettuare ed una prima diagnosi.
Grazie molte.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

il problema che lei adduce spazia dal traumatismo indotto con conseguente contaminazione batterica della zona, senza però escludere altre situazioni. L'odore è compatibile con diverse affezioni MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili).
Sottolineo pertanto la necessità improcrastinabile di contattare al più presto un deramto-venereologo per la diagnosi (la quale potrà essere corredata di analisi specifcihe, che variano da caso a caso) e la terapia.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
[#2] dopo  
Dr. Antonio Del Sorbo
28% attività
4% attualità
12% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
Egr. utente,
il problema da Lei descritto è frequentemente riferito dalle coppie che si rivolgono presso i nostri ambulatori di Dermatologia. Diverse sono le infezioni genitali che possono presentarsi con un odore così caratteristico, in particolare l'infezione da Gardnerella Vaginalis. Questo odore "inconfondibile" è dovuto alla produzione di particolari sostanze chimiche volatili "amine". Recatevi entrambi dal vostro dermatologo, senza aver applicato ne assunto antibiotici, in modo da poter arrivare ad una diagnosi e quindi una terapia mirata. Probabilmente il vostro dermatologo potrebbe eseguire un tampone al momento della visita (solo se le caratteristiche cliniche lo richiedono). Cordiali saluti e in bocca al lupo.

Dott. Antonio DEL SORBO
Medico Chirurgo – Specialista in Dermatologia e Venereologia
Dottore di Ricerca in Dermatologia Sperimentale
Corso Nazionale, 139 – 84018 SCAFATI (Salerno)
Email: antoniodelsorbo@libero.it – Sito internet: www.scafati.it
Telefono Studio: 081/8502377 – Cellulare: 338/6422985