Utente 112XXX
salve ho 33 anni e dal 2007 soffro di un fastidio strano che mi colpisce almeno 4 o 5 volte l'anno, tutto comincia con sensazione dolorosa appena sotto la gabbia toracica al centro all'altezza dello stomaco(aumento di dolore se premuto) poi si irradia alla parte sinitra della gabbia toracica e sale fino alla spalla sx accomagnato da sensazione di fatica e fiato corto appena faccio un sforzo (tipo fare le scale), cambia di intensita' se muovo le braccai e di solito dura alcuni giorni poi scompare.Durante questo periodo ho eseguito vari ecg, 2 ecocardio, 2 holter,3 test da sforzo(ultimo a dicembre 2008),gastroscopia,rx torace oltre ai soliti esami del sangue(sono donatore avis) tutto negativo tranne che per una duodenite cronica moderata rilevata con la gastro...so che dovrei stare tranquillo ma tutte le volte che ricomincia il malessere mi sembra sempre che sia un problema di cuore..puo' essere che in 2 anni alle visite cardiologiche sia sfuggito qualche problema? dovrei fare altri accertamenti??ma quali? mi sembra impossibile che una semplice duodenite (che tra l'altro tengo curata) possa dare la sintomatologia di un infarto o di un'angina. non fumo ,non bevo alcolici e caffe',peso 78 kg per176cm pressione 120/70 ed ho fatto attivita' agonistica(calcio) fino a 24 anni,ho letto ke molte volte i primi sintomi dei problemi al cuore possono durare giorni e vengono scambiati per altre patologie minori o ignorati perchè di lieve entita', non vorrei che fosse il mio caso...grazie per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, purtroppo le debbo confermare che a causa di una comune innervazione viscerale sia del cuore che del primo tratto digestivo, spesso processi infiammatori a carico dell'apparato gastroenterico possono mimare del tutto una angina pectoris. Considerata la negatività degli esami strumentali cui si è sottoposto, non mi sembra il caso di procedere ad ulteriori approfondimenti.
Saluti