Utente 133XXX
Buongiorno . Volevo sapere se è vero che l assunzione a frequenza costante per alcuni mesi di farmaci come Viagra, levitra, cialis, possa portare modifiche benefiche perenni ,a livello fisico, dei vasi sanguigni del pene. Modifiche che permettono erezioni "migliori" anche smettendo di assumere tali farmaci. Ero interessato a questo tipo di terapia e volevo dei consigli riguardo i dosaggi e tipo di farmaco. Ho letto di chi ha provato tale terapia con viagra o cialis. Per esempio assunzione per 4 mesi di levitra (20 mg) 3 volte a settimana , andrebbe bene ? . Grazie in anticipo arrivederci

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,

quanto lei riporta si riferisce alla cosiddetta ipotesi di "terapia riabilitativa".
Per ora si parla solo di linee di ricerca, soprattutto su soggetti con una particolare situazione, definita "disfunzione endoteliale". Questa situazione costituisce un primo stadio di problematica vascolare, ed è presente soprattutto tra i soggetti che hanno fattori di rischio vascolari/dismetabolici: obesità, sedentarietà, ipertensione, stato di fumatore, grassi elevati nella circolazione sanguigna, eccetera.
Attualmente si hanno a disposizione solo studi preliminari, e solo in soggetti con disfunzione endoteliale, che è poco probabile in un soggetto della sua età. Inoltre queste terapie hanno come obiettivo riportare la funzione erettile vicino a come era prima della disfunzione endoteliale, e non di "potenziarla" al di sopra dei livelli normali.

Cordialmente,


Edoardo Pescatori
[#2] dopo  
Utente 133XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno . Forse mi sono spiegato male, non si tratta di "potenziare" assolutamente niente . Vorrei solo recuperare il mio stato di salute .Ho problemi di erezione e mantenimento da tempo. L erezione anche quando c'è, non è assolutamante come prima . Ho fatto visite e un doppler penieno che pur non avendo rivelato alcun problema mi ha lasciato perplesso dato che il pene ha avuto solo un lieve inturgidimento , impensabile in quella situazione avere un rapporto sessuale . Non so più cosa fare. mi hanno già proposto terapie con i farmaci citati con dosaggi e frequenze diverse, vorrei solo avere una vostra opinione a riguardo . Ossia: che farmaco e con quale frequenza e dosi. Ripeto : assunzione per 4 mesi di levitra (20 mg) 3 volte a settimana , andrebbe bene ? Grazie ancora , cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
dipende alcune volte in alcune condizioni di d.e. su base psicogena come ansia da prestazione quel ciclo di terapia da Lei citato può dare benefici
[#4] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore concordo pienamente con quanto brillantemente esposto dal collega Pescatori e la invito a rivolgersi presos un ambulatorio di urologia o di andrologia per l'inquadramento corretto del suo caso affidando ad uno specialista e non a teorie o a letture l'utilizzo di farmaci vasoattivi come il sildenafil o il tadalafil.
Occorre tralaltro fare uno studio preliminare con un minimo di diagnostica che il collega saprà prescriverle, così come occorre escludere fattori psicogeni che possono influenzare anche notevolmente lo stato delle cose.
Cordiali saluti,
Dott. Daniele Masala.
[#5] dopo  
Dr. Silvio Presta
28% attività
0% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
i consigli dei Colleghi sono pienamente condivisibili anche dal mio punto di vista. La valutazione di una componente 'psicologica' (e si tratta comunque di un fatto organico, poichè i sintomi fobico-ansiosi non sono altro che l'espressione di una disregolazione neurovegetativa, migliorabile con cure farmacologiche e/o psicoterapiche) è senz'altro fondamentale.
Mi permetta anche un suggerimento: utilizziamo pure Internet, ed i media in generale, come strumento di conoscenza e di suggerimento, ma lasciamo sempre allo specialista (medico, architetto, avvocato, ingegnere etc. etc.) la diagnosi e la scelta della più adeguata terapia.
Cari saluti
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
la risposta alla Sua domanda, il cui senso è chiarissimo, potrebbe essere positiva, ma nell'ottica di una supervalutazione psicosessuologica come suggerito dal Collega PRESTA, il cui parere condivido in pieno.
Affettuosi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO