Utente 134XXX
buon giorno e grazie per la gentilezza,ho 35 anni e l'anno scorso ho avuto una pericardite e ad ora questa stando agli eco e' tutto a posto.nonostante questo ogni tanto avverto dolori al torace un oppressione interna che va ad aumentare fino a un punto massimo e dopo diminuisce fino a scomparire es.come gonfiare un pqalloncino al massimo e dopo rilasciarlo piano.il tutto dura dai 1/2 minuti e sempre di notte e dopo aver fatto uno starnuto,preciso che da settembre ad ora sono gia' accadute 2 volte di cui la terza con sincope,arriva il dolore mi sono alzato e svuotato la vescica,conseguenza perdita di coscienza.al risveglio mi sento il polso irregolare,mi portano al p.s. fanno tutti gli accertamenti del caso,prove da sforzo,ecostess,ecocardiogramma monitorato tramite apparecchio ma sembra essere tutto a posto il cuore a posto coronarie pulite e mi dimettono piazzandomi un holter per una settimana e di fare una risonanza al cranio,ora mi chiedo se hanno fatto di tutto,cosa posso fare cosa rischio,sono giovane e voglio risolvere questo problema,infine per non dimenticare mi hanno detto che se dal punto di vidìsta cardiologico e' tutto a posto di andare dal gastroentereologo.vi ringrazio di nuovo anticipatamente per una risposta certa e precisa.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
se gli esami cui si è sottoposto sono risultati tutti negativi, le indicazioni avute sono corrette. Probabilmente si è trattato di episodi sincopali di natura neurogena vago-mediata. Dopo la risonanza, si consulti con un neurologo.
Saluti