Utente 290XXX
Salve,
come da oggetto il mio problema e' quello di iperidrosi ascellare che mi attanaglia ormai da circa 6/7 anni. Ho deciso di cominciare ad affrontare il problema in maniera medica in quanto il fenomeno si sta facendo sempre piu' evidente. Pero' prima di affrontarlo vorrei chiedervi delle delucidazioni in quanto ho consultato 2 diversi dermatologi che mi hanno consigliato 2 diverse terapie sconsigliando reciprocamente quella dell'altro:
1) affrontare il problema con degli antitraspiranti
2)affrontare il problema con l'iniezione di botulino

la prima terapia mi e' stata sconsigliata da uno dei due in quanto secondo degli studi medici e' alta la percentuale di concomitanza di tumori al seno o noduli con l'uso di questi prodotti (e dato che mia madre e' stata colpita da un tumore al seno il medico mi ha detto che dovrei evitare ulteriormente);peccato che e' la stessa cosa che mi ha detto riguardo all'iniezione di botulino l'altro medico.

cosa mi potete consigliare al riguardo?

grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Genitle utente,

Parlo per esperienza personale e basandomi su studi randomizzati su scala mondiale:

l'iperidrosi GRAVE, delle ascelle e delle regioni palmo plantari, non responsiva a trattamenti topici e ionoforesi, risponde in maniera eccellente all'impiego della proteina botulinica purificata di tipo A, la quale detiene, ove usata da personale specialistico altamente qualificato, un alto ottimo profilo di impiego, ed una elevatissima tollerabilità.

La seduta è unica e dura, dai 6 ai 10 mesi, ben sapendo che solitamente no nsi ritorna quasi mai allo stato precedente; l'iperiodrosi è infatti causata da un'alterazione recettoriale legata alla produzione dell'ACETILCOLINA un NEUROMEDIATORE fondamentale anche nello STRESS PSICOLOGICO: i momenti perggiori per chi ha l'iperidrosi sono infatti quelli legati ai rapporti sociali più intensi: sapere coscientemente di avere un "arma" fondamentale contro questo problema supporta lo status psico-somatico che conduce alla patologia.

L'iperidrosi è un problema sociale che impatta notevolmente sullo stato di psico fisico del benessere e quindi della Salute in senso specifico; è pertanto corretto affrontarla con serietà e con metodiche valide, che non illudano il paziente ma rendano ragione della loro indicazione.

Cari Saluti.
Dott. Luigi LAINO
Dermatologo e Venereologo, ROMA
[#2] dopo  
Dr. Danilo De Gregorio
24% attività
4% attualità
12% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile sig.ra
Il trattamento con la tossina botulinica come citato dal collega modifica la responsività delle ghiandole sudoripare all acetilcolina responsabile in alcune persone e in situazioni di stress dell'eccessiva sudorazione e quindi dell'iperidrosi,non è certa la correlazione tra i suddetti trattamenti e lo sviluppo di patologie della mammella, anche se su base genetica avrebbe il 50 % di possibilità visto il verificarsi in famiglia di tale patologia,ma avrebbe la stessa percentuale se volasse in aereo e non sapesse di arrivare o meno.Non si fasci la testa prima di batterla, e risolva il problema che le causa disagio prima di sviluppare patologie di tipo neurologico ben più gravi di questa.

La saluto cordialmente.
[#3] dopo  
Utente 290XXX

Iscritto dal 2007
Vi ringrazio molto delle vostre risposte. Unultima domanda: nel caso (e credo che sara' il mio caso a questo punto) volessi effettuare questo trattamento con la tossina botulinica dove mi potrei rivolgere e quanto verrebbe a costare all'incirca questo trattamento?

Grazie
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La tossina botulinica fino a qualche mese fa per dettame del Ministero della Salute era ad esclusivo appannaggio dei Medici Specialisti in Dermatologia e di quelli in Chirurgia plastica: questo sottolinea sempre l'importanza di rivolgersi a specialisti del settore, per avere i più alti livelli di professionalità e preparazione.

I costi variano in base alla quiantità di prodotto utilizzato, ma bisogna chiedere ai singoli operatori/singoli servizi.

Saluti.