Utente 113XXX
salve, sono un ragazzo di 19 anni che si è sottoposto (per la seconda volta) ad un intervento di circoncisione il 24 settembre. l'operazione sembra essere andata a buon fine tranne per delle grinze che spero si tolgano presto, però il problema rilevante è l'erezione. ad oggi non riesco ad avere un erezione completa ed mi sembra di aver perso molta sensibilità al pene, e non solo al glande. dopo l'eiaculazione la poca erezione che ottengo svanisce in due secondi e questo è estremamente diverso da quanto accadeva prima. cosa potrebbe essere?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Dopo l'eiaculazione è normale che svanisca l'erezione perchè l'eiaculazione è provocata da una scarica adrenergica il cui effetto è anche quello di far contarre la muscolatura liscia dei corpi cavernosi provocando così la detumescenza.
Se ha fatto l'intervento di circoncisione poi non penso proprio che la fimosi di cui era portatore le permettesse di avere dei rapporti soddisfacenti per cui ora si deve solo abituare a una situazione e a sensazioni nuove, ma non necessariamente peggiori. Porti pazienza.
[#2] dopo  
Utente 113XXX

Iscritto dal 2009
le sensazioni rispetto a prima sono decisamente nuove ma peggiori dato che l'erezione non è completa. prima efettivamente non riuscivo ad avere rapporti indolore, però l'erezione era perfetta, ora invece neanche con molto sforzo e concentrazione riesco a raggiungere i livelli precedenti.
[#3] dopo  
Dr. Mirco Castiglioni
28% attività
4% attualità
12% socialità
SARONNO (VA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Non esiste un razionale scientifico per cui una persona di 19 anni che aveva valide erezioni prima di una circoncisione non ne abbia dopo. Certamente la circoncisione è un intervento che ha un impatto psicologico decisamente differente se subita prima o dopo l'inizio dell'attività sessuale.
Abbia pazienza e consideri che si tratta solo di avere fiducia nelle sue potenzialità. In caso di persistenza del problema non esiti però a contattare un andrologo per una visita specialistica.