Utente 136XXX
Salve, mi chiamo Massimo ho 25 anni. Due giorni fa ho passato uno giornata in montagna con degli amici a passeggiare. Durante la passeggiata ho avuto più volte il fiatone; eravamo a circa 1300 metri di altitudine e risalire i fianchi della montagna si è rivelato essere faticoso per me, ma l'ho fatto con i miei ritmi e con calma proprio per questo.
Da quel giorno avverto un senso di battito accelerato del cuore; la pressione appare normale 130-65, mentre i battiti oscillano fra 65 e 80 bpm. Io imputo la causa del battito accellerato allo sforzo compiuto che è andato ad aggiungersi a stress e a cui si è aggiunta un po' d'ansia con il passare del tempo. Continuo a ripetermi che dopo uno sforzo prolungato ora mi ci vuole un po' per recuperare dato che era qualche mese che non facevo una attività fisica di questo tipo.
Non mi sento stanco e non ho nessun sintomo di stanchezza o malore.

Vi ringrazio del tempo che vorrete dedicarmi. Distinti saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
la frequenza cardiaca è un parametro variabile e avere nel corso della giornata delle oscillazioni, tra i 60 e i 90 battiti a riposo rientra nella normalità, perciò stia sereno.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 136XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio dott. Martino; in effetti non pensandoci troppo e senza preoccuparsi troppo del numero di pulsazioni tutto è tornato alla normalità di sempre.

Cordiali saluti