Utente 243XXX
Buongiorno devo farmi ricettare dal medico di base un inibitore della pde5 e sono indeciso su cialis o levitra,il viagra lo escludo perche' il prodotto in me funziona per breve tempo e il rapporto diventa una cosa troppo meccanica in parole povere se supero la mezz'ora non funziona piu'.l'andrologo mi ha detto che hanno durate d'azione variabili ma mi prescrisse solo il viagra.Inoltre volevo sapere se ci sono cure per il reflusso venoso penieno problema che mi costringe ad una continua eccitazione altrimenti cade l'erezione in pochi secondi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
come durata il cialis ha circa un emivita di 36 ore ... p
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Genile lettore,

se assunti correttamente (a stomaco vuoto) viagra e levitra hanno il massimo dell'effetto a partire da un'ora dall'assunzione, e danno una copertura di circa 6 ore; cialis può essere assunto anche a stomaco pieno e dà il massimo di copertura a circa 2 ore dall'assunzione, con una copertura totale fino a 36 ore.
"Reflusso venoso penieno": bisognerebbe capire bene cosa si intende. Se si è di fronter ad una vera fuga venosa, in rari casi è possibile una correzione chirurgica senza protesi, ma è necessaria una diagnostica accurata.

Cordialmente,

Edoardo Pescatori
[#3] dopo  
Dr. Stefano Garbolino
36% attività
4% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Gentile utente,
al fine di rispondere adeguatamente alla sua richiesta sarebbe opportuno indagare in modo più approfondito l'ambito relazione di coppia in quanto può talvolta accadere che di fronte a terapie adeguate per il sintomo (per esempio i farmaci per i problemi d'erezione) si slatentizzino o siano mascherate situazioni più complesse e meritevoli di approcci multidisciplinari.
Cordialmente
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore 24318,

La Disfunzione Veno Occlusiva Cavernosa è dovuta ( semplificando...) alla incapacità del sistema venoso del pene di occludersi tanto da garantire una buona rigidità dell'asta ed un adeguato mantenimento di tale rigidità per il tempo idoneo ad ottenere una valido e piacevole rapporto sessuale.
Se il Sistema Venoso non funziona, allora ci sono dei problemi di rigidtà che possono essere risolti aumentando l'afflusso del sangue ai corpi cavernosi ( ecco l'utilità di utilizzare i farmaci Viagra, Cialis e Levitra)in maniera superiore al deflusso patologico.
Per dirla in maniera pù semplice è come se la camera d'aria del pneumatico della sua macchina perdesse aria; La pressione dei pneumatici non è valida e la autovettura sbanda, non tiene la velocità,le incute il timore di addirittura fermarsi... da qui il Panico...
Un sistema efficace sarebbe quello di gonfiare la sua camera d'aria ad una pressione molto superiore alla norma, (diciamo a 4 Atm invece che a 2,2 Atm) in maniera tale che i suoi pneumatici tengano bene la strada tanto da consentirle di arrivare perlomeno a destinazione. Da qui l'uso dei farmaci vasodilatatori che in praticano gonfiano il suo pene in eccesso.
Si era pensato, agli inizi degli anni 90, che la perdita di pressione fosse legata ad un forellino(una vena malata)e che bastasse applicare un "pezzetta" per occluderlo ( chiudere una vena !) poi si è visto che in questi casi è come se la gomma della camera d'aria fosse porosa e perdesse aria, non per la presenza di un "buco".In questi casi bisognerebbe cambiare tutta la camera d'aria. Quindi un intervento assai più complesso. In pratica non è una vena ad essere incompetente (malata) ma il tessuto con cui sono fatte tutte le vene ad essere malato.In pratica la chirurgia di chiusura delle vene si è dimostrata fallimentare e bisognerebbe pensare ad altro.
.
Se con qualche prodotto riesce ad avere una erezione valida mi sembra che lei possa continuare, tranquillamente, ad usarlo
cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro signore concordo pienamente con quanto detto dal collega Pescatori. L'utilizzo di farmaci tipo cialis e levitra ha in genere una buona risposta e consente il loro utilizzo anche lontano dai pasti con una lunga durata d'azione. La "fuga venosa" può essere trattata chirurgicamente con ottimi risultati grazie a nuove tecniche. Ritengo però necessario nel suo caso una attenta valutazione urologica pertanto la invito a recarsi presso un ambulatorio della sua zona per l'inquadramente del caso.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#6] dopo  
Dr. Tommaso Corvasce
24% attività
0% attualità
0% socialità
ACCADIA (FG)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2007
Concordo con il Collega Pozza sulla visione etiopatogenetica GLOBALE DELLA DISFUNZIONE VENO-OCCLUSIVA. Se fossi nei panni del suo Uro-Andrologo completerei (visti i problemi riferiti) con un esame tipo ecocolordoppler penieno dinamico e video sexual stimulation con generosa somministrazione di prostagladina nei corpi cavernosi. cio' al fine di studiare dal pdv emodinamico i corpi cavernosi. una disfunzione venoocclusiva e' un problema da non prendere con superficialita'. la saluto codialmente. uroandros@hotmail.com
[#7] dopo  


dal 2008
Proprio una bella risposta....!capisco il perche' della malasanita'