Utente 137XXX
sono in erasmus in spagna da settembre e qui mi sono accorto di essere affetto da sifilide. sono andato qui da un medico a controllo e ho effettuato il test delle varie MTS e sono risultato positivo alla sifilide.Prima di iniziare la cura mi ero accorto di avere le ghiandole inguinali gonfie e mi stavano iniziando ad uscire macchioline rosse su braccia e pancia. Il 6 ottobre il medico mi ha fatto una puntura di penicellina 2400000 dicendo che con quella dose sarei guarito e per un pò tutto bene, il 5 di novembre però sono tornato dal medico perchè mi stava uscendo di nuovo il sifiloma e mi ha fatto un'altra puntura di penicellina identica alla precedente.
Oggi 2 dicembre ho fatto le analisi del sangue per vedere se la malattia mi sta passando, però spesso sono debole, mi sento nauseato e spossatezza, ma il medico mi ha detto che dipende dall'ansia dato che sono molto agitato e ansioso in questo periodo. Inoltre ho ancora le ghiandole inguinali gonfie.
Oggi in piu mi sono accorto di avere delle bollicine rosse piccole sulla lingua che potrebbe essere? premetto che sono stato in vacanza e ho mangiato molte schifezze e roba fritta ma ho anche avuto un rapporto orale. che potrebbe essere? con le 2 punture di penicellina 2400000 posso stare tranquillo? sto vivendo un periodo bruttissimo e molto ansioso per il motivo della malattia a cui sono affetto e spero di essere guarito. attendo una voste risposta grazie.
[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

Non mi ha precisato quando ha avuto un rapporto a rischio, che è la causa della sua infezione.
Ha fatto anche il test per l'HIV?

La penicillina è assai efficace per la cura della sifilide.
A volte bastano le dosi da lei assunte, a volte la forma infettiva può trascinarsi nel tempo; stia in contatto con il suo medico curante, per valutare quando ripetere il test e se ripetere il trattamento antibiotico.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
ho avuto 2 rapporti a rischio uno ad aprile e uno a fine giugno ora non so quale dei due sia stato la causa del virus. credo che quando me ne sono accorto era un principio di sifilide secndaria. si ho fatto anche il test dell'HIV ed è risultato negativo..lei dice che le 2 punture di penicellina da 2400000 siano state sufficenti? perche tuttora ho le ghiandle inguinali gonfie.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Il gonfiore dei linfonodi può persistere per molto tempo, anzi, spesso i linfonodi restano più ingrossati per sempre, anche quando si spegne il processo infiammatorio.

Per sapere se le due dosi di penicillina siano state efficaci, deve fare, tra qualche tempo, su indicazione del suo medico, i dovuti controlli sierologici della sifilide.
[#4] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
ho fatto le analisi del sangue per vedere se ci sono dei miglioramenti il giorno 2 dicembre. ora sto aspettando i risultati.spero che sia svanita la sifilide.
ho avuto molti momenti di agitazione e di ansia al punto di sentirmi male fisicamente, tanto è vero che i medici di qui mi hanno prescritto degli ansilitici a dosi leggere per stare piu calmo.. ora ho smesso di prenderli e spero di stare meglio, solo che alle volte ho delle fite leggere al rene del lato dove mi hanno fatto le punture e dove ho le ghiandole gonfie. sa dirmi come mai? la ringrazio per avermi reso leggermente piu tranquillo. attendo una sua risposta grazie
[#5] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Non riesco a interpretare il suo disturbo.
Cosa intende per "leggere fitte al rene del lato dove mi hanno fatto le punture".
E' un doloretto al fianco o più basso in regione glutea?
Con quale frequenza ha queste fitte?
Ha disturbi urinari, tipo bruciori?
[#6] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
è un dolore al fianco destro, non fortissimo pero fastidioso,e mi viene quasi tutti i giorni. Tra l'altro è lo stesso lato dove mi hanno fatto le due iniezioni di penicellina e anche lo stesso lato dove si sono presentati il sifiloma e le ghiandole inguinali sgonfie.
Si a volte mi capita anche di avere piccoli bruciori quando vado a urinare.
Cosa può essere?
[#7] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Non so dirle, senza un controllo diretto.
Potrebbe essere un problema di calcoli renali, visto che ha anche piccoli bruciori urinari.

Faccia un esame delle urine per verificare se vi è una microematuria (sangue non visibile ad occhio nudo); se vi fosse microematuria, bisognerà fare delle indagini per appurare eventuali calcoli renali.
[#8] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
grazie.
e lei dice che questo problema di calcoli renali potrebbe essere legato al fatto della sifilide? O DALL'assunzione di molti medicinali ultimamente? perchè non ho mai avuto di questi problemi.
E mi sa dire anche genitlmente a cosa sono dovuti i puntini rossi sulla lingua? il mio medico di qua in spagna mi ha detto che è dovuto al fatto della penicellina o dell'assunzione di antiinfiammatori per tempo prolungato.
un'altra domanda molto importante: il mio medico mi ha fatto assumere per un certo tempo (20 giorni piu o meno) alprazolam 0,25) per farmi stare piu tranquillo dato che mi vedeva agitato, però quando ho saputo che erano ansiolitici ho smesso bruscamente (da 5 giorni) e mi sento un certo senso di spossatezza, a volte leggero a volte piu pesante, a cos'è dovuto? a questo periodo di ansia generalizzata? il fatto che ho saputo sulla sifilide mi ha reso molto molto agitato. La prego mi risponda il prima possibile. e mille grazie
[#9] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
No, non vi sarebbe nesso tra eventuali calcoli renali e la sifilide.

Sui punti rossi sulla lingua, può darsi che siano dovuti all'uso prolungato di antibiotici e antinfiammatori; ma non posso esserle più preciso, perchè è impossibile fare una diagnosi a distanza.

Quanto al senso di spossatezza, mi pare abbastanza normale che ci sia, e, peraltro, può anche essere accentuato dallo stato d'ansia.
[#10] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
e il modo per stare meglio quale sarebbe? non ce la faccio piu a vivere in questo modo..mi aiuti per favore. qui i medici spagnoli non riesco a capirli bene perchè ancora non parlo molto bene la lingua. la ringrazio molto per quello che sta facendo.
Inoltre mi sono accorto di avere bruciore all'ano quando elimino feci.
cosa mi sta succedendo? non riesco piu a vivere tranquillo
[#11] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Il modo di stare meglio sarebbe quello di lasciare che la terapia faccia il suo corso e che faccia i controlli periodici che le hanno suggerito.

Pensare e ripensare al latte versato, come si suol dire, aggrava il suo stato d'ansia; deve sapere che affrontare certe situazioni con ottimismo aiuta a guarire.
[#12] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
la ringrazio. cercherò di essere piu ottimista. e per il fatto del bruciore all'ano? puo essere un candida dovuta a medicinali o cosa simile?
[#13] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
solitamente una terapia antibiotica massiccia agisce anche sulla flora batterica intestinale, la cui distruzione comporta anche un diminuito apporto di vitamine; assuma molte vitamine mangiando molta frutta fresca.
[#14] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
gentile dottore,
ho rifatto le analisi il giorno 23 di dicembre e i risultati sono stati:
VDRL: positivo
TPHA: 1:640

il mio dotoore ha detto che i valori si sono abbassati ma che comunque per sicurezza devo fare un altro ciclo di penicellina.
Lei che mmi dice? posso ancora infettare le persone?
Aspetto una sua risposta .
grazie
[#15] dopo  
Dr. Mario Corcelli
52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Il TPHA tende a restare positivo anche quando la malattia è stata efficacemente curata con gli antibiotici; per questo, il TPHA non viene utilizzato per verificare l'efficacia delle terapie.
La sua perenne positività viene detta anche "cicatrice sierologica"

Per stabilire se la malattia è ancora in atto sono necessari altri esami, come il test FTA-Abs che consente una differenziazione fra anticorpi IgG e anticorpi IgM.
[#16] dopo  
Utente 137XXX

Iscritto dal 2009
gentile dottore volevo aggornavi la mia situazione,quando sono tornato in italia ho rifatto tutte le analisi per quanto riguarda il mio problema:
il 23 dicembre
TPHA: 1:640 VDRL positivo
allora mi reco da un medico specialista nel campo che mi da una cura a base di penicellina 2 punture al gorno da 1200 unita per 2 volte a settimana per un mese, un totale di 16 punture.
la cura l'ho iniziata il 2 di genaio però ho rifatto le analisi il 7 gennaio(a poco piu di sei mesi dal rapporto a rischio) per vedere la situazione ed è la seguente:
VDRL negativa
TPHA 1:320
ricerca HBsAG negativo
ANTI-HBc Totali negativo
ANTI HBc lgM negativo
ANTI HCV negativa
ANTI HIV1/2 negativoProteina C reattiva presente 3.0
FTA presenti 1:80

che mi dice da questi risultati?
Inoltre ho un altro problema, le ghiandole inguinali ancora gonfie(ma meno di prima)
e ho le ghiandole al collo gonfie da circa un mese.
Da premettere che ho avuto dei rapporti orali non protetti, devo preoccuparmi? da cosa possono dipendere le ghiandole al collo? Al lato DX sono molto piu gonfie e premetto che probabilmente allo stesso lato ci sta un dente del giudizio in attesa di uscire..
Mi dia una disposta per favore perche mi trovo di nuovo in spagna e non so a chi rivolgermi.. sono molto preoccupato.
Attendo una sua risposta e grazie