Utente 926XXX
Gentili medici, salve... riferisco di seguito i miei risultati di curva da carico di Glucosio orale 75 gr./ 50% (150 ml.):
- Digiuno 109 mg./dl [v.n. 70 - 110]
- 30 min. 196 >>>>>>
- 60 min. 152 >>>>>>
- 90 min. 132 >>>>>>
- 120 m. 107 >>>>>>
- 180 m. 99 >>>>>>
. HbA1c 4,26% [v.n. 4,20 - 6,20]
. Cortisolo 180 mcg./l. [v.n. ore 8: 50 - 200]
Cause rischiesta esami: Crisi ipoglicemica dopo stress lavorativo protratto con sforzo muscolare.
Presento inoltre da circa l' episodio una infezione da Herpes Zoster particolarmente diffusa su petto e dorso e resistente a terapia con Valaciclovir 500 mg. in compresse: due compresse mattina e sera e una a pranzo (tot. 3 al dì) per circa 15 gg., adesso una mattino e sera, più una pomata/due applicazioni al giorno ma senza risultati anche se da allora sembrano le lesioni meno rosse e sintomatiche (è passato per fortuna il bruciore), ma tuttavia in espansione soprattutto ai lati delle stesse. Ho anche delle chiazze di candida sul palato vicino l' ugola e febbricola. NON ho ripetuto altri esami del sangue eccetto quelli sopra riportati. Vorrei delle delucidazioni anche sulle manifestazioni erpetiche oltre che sui risultati della curva glicemica. _ In attesa Grazie e a risentirci! Saluti e buone feste!!!

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore, l'infezione da Herpes Zoster è lunga da guarire, ma non per questo può definirsi "resistente" alla terapia. Lo scatenarsi di questa, insieme alla comparsa di una candidosi fa subito pensare ad un abbassamento della sua risposta immunitaria, che può aversi in situazioni di pesante stress psicologico e/o fisico. Per quanto riguarda la curva da carico orale, le due determinazioni da considerare sono esclusivamente quelle a T0' e T120'. Quest'ultima nella norma, mentre quella a T0', è indicativa di I.F.G., ossia di alterata glicemia a digiuno. Sarebbe stato interessante valutare anche l'insulinemia basale e dopo carico orale a due ore.
Si riprenda dallo zoster e dalla candida e poi se necessario indagherà più approfonditamente, sotto la supervisione del suo medico curante, il "lato" metabolico.
Cordialmente
[#2] dopo  
92648

dal 2010
La ringrazio davvero della Sua tempestiva risposta. Secondo lei la Glicemia a digiuno è davvero alterata e che tipo di problema presenta quella a 120"??. Non presento particolari stress psichici o fisici oppure non me ne rendo conto soprattutto di quelli psichici. Vorrei sapere (non volendola disturbare condiderando che non è la sua branca) se sintomi tipo bruciore agli occhi, doloretti al capo, astenia e sensazione di malessere potrebbero essere in qualche modo correlabili con le alterazioni metaboliche o con l' Herpes. Inoltre quando inizio dell' attività fisica ho subito una immediata sensazione di fame, spesso presente durante la giornata e soprattutto a fine digestione che se non mangio qualcosa mi viene come di svenire. Ho acquistato una macchineta per la determinazione della Glicemia con stik e a digiuno (10 - 12 ore dal pasto) è sempre sui 110 - 120 mg./dl mentre alle 6 di sera (pranzo alle 12) è spesso molto bassa (60 - 70) e in quelle occasioni ho fame. Soffro anche di cefalea da sforzo. Il mio medico curante mi ha detto che se l' erpes non passa mi fà fare la tipizzazzione linfocitaria per vedere cosa c'è che non và. _ A RISENTIRCI!
[#3] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signore, la sua glicemia a digiuno (T0') è alterata non perchè lo dico io, ma perchè la classificazione delle alterazioni glicemiche usate in tutto il mondo prevedono che una glicemia a digiuno compresa tra 101 e 125 mg/dl, venga indicata come I.F.G., vale a dire Impaired Fast Glucose, ovverossia "Alterata Glicemia a Digiuno".
Il valore glicemico a due ore dal carico (T120') è nella norma, se così non fosse stato non avrei parlato di "alterata glicemia a digiuno" ma bensì di "Intolleranza agli Idrati di Carbonio" (IGT).
L'alterata glicemia a Digiuno è una condizione che sta ad indicare una resistenza all'insulina, condizione questa non identificabile con il diabete, ma potenzialmente diabetogena. Tale condizione, tra l'altro spiegherebbe la sensazione di fame subito dopo l'attività fisica e i valori glicemici tendenzialmente bassi nelle ore pomeridiane e serali, per intenderci, quando lei ha una fame eccessiva.
Per quanto riguarda i sintomi da lei riferiti (doloretti al capo e bruciore agli occhi) non sono correlati nè con la condizione metabolica, nè con l'infezione da Zoster.
Il monitoraggio domiciliare con glucometro (macchinetta) non è metodologicamente corretto, tutt'al più esegua la curva insulinemica in laboratorio, così sia lei che il suo medico curante avrete finalmente le idee chiare e lei potrà, qualora fosse necessario, fare una terapia adeguata.
Restando a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento, le invio i miei più cordiali saluti.
[#4] dopo  
92648

dal 2010
Grazie ancora ed un'ultima domanda: come lei a detto potrei presentare una resistenza insulinica. Non essendo un tipo sedentario o con un' alimentzione iperglicidica o iperlipidica/ipercalorica, normopeso.... anzi con tendenza al dimagrimento se non mi alimento bene!; Non affetto da ipertiroidismo (esami tiroidei eseguiti anni addietro che ripeterò tuttalpiù), cortisolo regolare verificato di recente la stessa mattina della curva. Potrei qindi avere una forma latente di Diabete tipo 1 oppure anticorpi Anti-Insulina? Certamente il medico mi farà fare come aveva accennato i dosaggi insulinici e di glucagone, vorrei sapere questi come si svolgono. _ A RISENTIRCI E BUONE FESTE!
[#5] dopo  
Dr. Mario Manunta
28% attività
4% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2003
Gentile Signore, in atto non sussistono le condizioni per saggiare la sua autoimmunità con anticorpi anti-insulina, anti-GAD, ecc. Deve semplicemente dosare l'insulinemia dopo carico orale con 75 g, e se il suo medico lo ritiene utile, il peptide-c. Vediamo i risultati e poi se ne parla. Non è necessario dosare il glucagone.
In attesa di sue nuove notizie,
Cordiali Saluti