Utente 141XXX
Salve,
desidererei sapere quanto costa la crioconservazione degli spermatozoi. Il mio compagno è affetto da azoospermia secretiva, ha quasi 29 anni e secondo alcuni medici prededentemente consultati, sarebbe preferibile tentare la fecondazione assistita entro i 30. Per questioni economiche, non ci è possibile tentare di avere un figlio nell'immediato, ma stiamo insieme da 10 anni e desidererremo provare ad averne uno nei prossimi 2/3 anni.
Dal momento che il mio ragazzo ha quasi 29 anni, avremmo pensato alla possibilità di effettuare una biopsia testicolare e crioconservare eventuali spermatozoi vivi. Prima di effettuare qualsiasi tentativo di questo tipo, vorremmo trovare a Milano una struttura affidabile e che allo stesso tempo non ci chieda cifre astronomiche per la crioconservazione.
Sapreste indicarmi qualche struttura pubblica/privata a Milano ed il costo indicativo della crioconservazione?
Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,il quesito che pone a noi va girato al centro di fecondazione assistita che provvedera' all'eventuale TESE.Milano,con il Policlinico Universitario e le strutture ospedaliere,garantisce la massima professionalita' sia in regime di SSN che privato.Quanto ai costi,va da se' che altro e' rivolgersi ad una struttura pubblica,cui Le consiglierei di rivolgersi per mettersi in lista di attesa,altro e' contattare una struttura privata,ove i costi sono variabili ma
non proibitivi.Ne parli anche con il Suo medico. Nella speranza che vi siano oggettive possibilita' di reperire spermatozoi intratesticolari,Le auguro i migliori auguri di buon Anno.
[#2] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2010
Gentile dott. Izzo,

la ringrazio infinitamente per la sua risposta. Ci rivolgeremo sicuramente al Policlinico, anche il nostro medico di famiglia ce lo ha consigliato.
Vorrei approfittare della sua disponibilità per chiederle delle altre informazioni. Il mio compagno è affetto da azoospermia secretiva, dovuta ad un difetto del testicolo che pare risalga alla sua infanzia.
Considerando ciò ed anche il fatto che i valori dell'FSH di 3 anni fa erano 16,5 (il centro che ha effettuato le analisi utilizza come valore di riferimento un massimo di 13), secondo la sua esperienza i valori sono troppo alti? Potrebbero essere aumentati in 3 anni? E con un FSH così alto potrebbero esserci possibilità di recuperare degli spermatozoi vivi?
Perdoni la mia premura e le tante domande,ma in questa fase io ed il mio compagno abbiamo bisogno di chiarimenti e conferme e data la nostra giovane età (io ho 26 anni e lui 29)vorremmo tentare tutto, anche se ci fosse una sola possibilità su un milione.

La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...i valori dell'FSH,abbastanza alti,esprimono la sofferenza testicolare pregressa,ma,senza una correlazione con la valutazione della grandezza e consistenza degli stessi,di cui non fa cenno nel post,e' difficile ipotizzare una eventuale presenza intratesticolare di spermatozoi.Non vorrei che il Suo compagno avesse bypassato una visita andrologica,necessaria anche per un
approfondimento genetico che,particolarmente in questi casi,e' mandatario,sia per la diagnosi della azoospermia che per la eventuale TESE.
Ci aggiorni in merito.Cordialita'.
[#4] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2010
Gentilissimo dottore,

purtroppo nulla è stato bypassato...Anzi le chiedo scusa per non avere inserito le info necessarie nel mio precedente post.
Le scrivo qui di seguito i dati che ho reperito dalla cartella clinica del mio fidanzato, anche se alcuni dati relativi allo sperma sono praticamente illegibili,a causa della scrittura poco chiara del medico:

TESTICOLI:
entrambi i didimi sono ridotti di dimensioni, con ecostruttura omogenea e regolare di tipo parenchimatoso.
Non individuabili lesioni focali sostitutive intraparenchimali; non calcificazioni o immagini di tipo cistico. Non segni di idrocele bilateralmente. Non si riconoscono ecograficamente gli epididimi. Normale spessore ed ecogenicita' delle borse scrotali.
DIMENSIONI DEL DIDIMO DESTRO 4,3 CM
VOLUME DEL DIDIMO DESTRO 13,3 CC
DIMENSIONI DEL DIDIMO SINISTRO 3,5 CM
VOLUME DEL DIDIMO SINISTRO 8 CC

vena spermatica destra: regolare decorso e calibro all'interno del funicolo spermatico.
vena spermatica sinistra: dilatata e tortuosa all'interno del funicolo in esiti di legatura chirurgica.
plesso pampiniforme destro: normale diametro delle vene testicolari , senza segni ecografici di dilatazione del plesso, sia durante respiro spontaneo , sia in manovra di valsalva o in ortostatismo.
plesso pampiniforme sinistro:segni ecografici di dilatazione del plesso, durante manovra di valsalva o in ortostatismo.
GIUDIZIO: le indagini color ed ecodoppler evidenziano segnali di flusso retrogrado, dopo manovra di valsalva, riferibili a varicocele a sinistra.


DOSAGGI ORMONALI: FSH 16,5
PRL 11,1
LH 4,4
17 BETA ESTRADIOLO 24

esami seminali:

conc.-mil. 0
mot (120') 0
fn 0 %

(il resto è illegibile, ma credo sia tutto zero)

conclusione: AZOOSPERMIA SECRETIVA


Alla luce di ciò, ed in base alla sua esperienza, cosa ne pensa? E' un caso veramente "disperato"?

Grazie infinitamente per la sua disponibilità
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...quindi il Suo compagno è stato operato di varicocele sinistro...non ci dice quando e se prima dell'intervento abbia eseguito uno spermiogramma,dei dosaggi ormonali,delle indagini genetiche e quant'altro un andrologo "dedicato" richiede prima dell'intervento per porre una diagnosi ed una prognosi corrette.Ci aggiorni.Cordialità.
[#6] dopo  
Utente 141XXX

Iscritto dal 2010
Allora...

E' stato operato di varicocele circa 10 anni fa, successivamente è stato sottoposto a due interventi per eliminare un'ernia inguinale che a causa del primo intervento effettuato in maniera alquanto discutibile, si è ripresentata dopo pochissimo tempo.
Solo successivamente, dopo essersi rivolto ad altri specialisti,su loro consiglio ha effettuato tutta una serie di esami, tra cui lo spermiogramma.
Le riporto qui di seguito gli esiti degli ultimi esami, che risalgono a 4 anni fa:

SPERMIOGRAMMA:
VOLUME: 7.2
COLORE:avorio
PH 8.1
ASPETTO:opalino
VISCOSITA':normale
conc.-mil. 0
mot (120') 0
fn 0 %
LIQUEFAZIONE:completa
SPERMATOZOI: assenti
AZOOSPERMICO DOPO CENTRIFUGAZIONE

ANALISI DNA fibrosi cistica 29 mutazioni +alleli t

risultato: negativo per le mutazioni analizzate.
inoltre soggetto omozigote per il polimorfismo polyT (9T-9T).
CARIOTIPO:46,xy
osservazioni: in tutte le metafasi analizzate (102) nn e' stata osservata la presenza di alterazioni numeriche o strutturali dei cromosomi. ( Livello di risoluzione : 550 bande per set aploide).
ANALISI MOLECOLARE PER MICRODELEZIONE DEL CROMOSOMA Y
tecnica usata : amplificazione diretta del DNA mediante primers specifici (kit promega)
CONCLUSIONI:non sn state riscontrate delezioni negli sts indagati.

ECODOPPLER:
vena spermatica destra: regolare decorso e calibro all'interno del funicolo spermatico.
vena spermatica sinistra: dilatata e tortuosa all'interno del funicolo in esiti di legatura chirurgica.
plesso pampiniforme destro: normale diametro delle vene testicolari , senza segni ecografici di dilatazione del plesso, sia durante respiro spontaneo , sia in manovra di valsalva o in ortostatismo.
plesso pampiniforme sinistro:segni ecografici di dilatazione del plesso, durante manovra di valsalva o in ortostatismo.
GIUDIZIO: le indagini color ed ecodoppler evidenziano segnali di flusso retrogrado, dopo manovra di valsalva, riferibili a varicocele a sinistra.


Per quanto riguarda le analisi ormonali e le dimensioni del testicolo, sono nella precedente email.
Queste sono tutte le informazioni di cui dispongo, le ho riportato tutti i dati presenti sulla sua cartella clinica.

Grazie ancora


[#7] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...a questo punto,non resta che attendere le conclusioni del centro di sterilità che procederà con la crioconservazione,se lo riterrà opportuno.Auguri.