Utente 144XXX
Buonasera,
ho 30 anni, vi premetto che non ho mai avuto problemi nello "scoperchiare" totalmente la pelle del glande sia a riposo, che in erezione e non mi ha mai procurato dolori, ma a seguito di un rapporto troppo "intenso" ho notato il giorno dopo che mi si è lacerato il frenulo, la perdita di sangue è stata pochissima (circa 1/2 goccie di sangue), quindi ho valutato di non recarmi al pronto soccorso, informandomi sulla faccenda mi sono disinfettanto con Betadine pomata per una settimana e ho fatto astinenza per circa 25 giorni; ora guardando con la lente d'ingrandimento noto che circa a metà frenulo si presenta un leggerissimo taglietto e il filetto sembra leggermente più corto e stretto di prima, sopratutto nella parte inferiore (quella lontano dal glande).
Non ho dolore, neanche in erezione, però ho paura che al prossimo rapporto (anche masturbazione) un pò più "forte" quella microlesione si possa aprire del tutto o darmi dei problemi.
Cosa mi consigliate? Anche perchè la situazione mi imbarazza molto...
Vi ringrazio in anticipo per la consulenza e vi porgo i miei più sentiti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non si fatta da solo la diagnosi e non si automedichi ; via tutte le paure e si ricordi che quadri clinici come il suo non possono essere affrontati e tanto meno risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta.

A questo punto, senza perdere altro tempo prezioso, consulti il suo medico di famiglia che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica andrologica.

Nel frattempo, se desidera poi avere informazioni precise su questo tema specifico , le consiglio di consultare sul nostro sito anche l'articolo scritto dal collega Pescatori :

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=63934

Qui troverà tutte le indicazioni desiderate.

Un cordiale saluto.