Utente 140XXX
So che questo non è una richiesta di consulto, ma sarebbe secondo me bello ed onesto, per dovere d'informazione verso le persone affette da un problema fastidioso come la fuga venosa, che non fosse cancellato...
Sembrerebbe che, nonostante tutte le critiche, la chirurgia per la fuga venosa sia un'ottima opzione, almeno in qualche parte del mondo:

http://www.andrologyjournal.org/cgi/content/abstract/jandrol.109.008532v1
http://www.andrologyjournal.org/cgi/content/abstract/jandrol.109.008409v1
http://www.cmuh.org.tw/2008/glhsu/english/venous.php
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10647658?dopt=Abstract
http://www.andrologyjournal.org/cgi/content/full/27/5/700

Operazioni con il 90% di successi con followup anche di vari anni...
Spero solo che non dovremo andare tutti in Cina a farci operare, e queste tecniche verranno finalmente esportate al resto del mondo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
forse potrebbe esserle sfuggito che queste tecniche sono arrivate in Cina dopo essere partite da varie parti del mondo! Guardi che noi Urologi-Andrologi saremmo tra i primi ad essere contenti che questa chirurgia funzionasse, ma quando agli entusiasmi iniziali degli anni '80 hanno fatto seguito studi SERI si è universalmente appurato che la legatura venosa non funziona nella disfunzione veno-occlusiva (a parte i rarissimi casi post-traumatici o congeniti). E ciò perchè il problema non sono le vene, che vengono legate fuori dai corpi cavernosi, ma è il tessuto all'interno dei corpi cavernosi che è "malato". E per quanto si leghino vene fuori, nel giro di pochi mesi si aprono nuove collaterali.
[#2] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
Beh, è proprio per questo che questi articoli mostrano qualcosa di nuovo. Come lei dice, solitamente nel giro di pochi mesi si aprono nuove collaterali. Questi articoli stessi citano il fatto che la chirurgia venosa è stata abbandonata in seguito a numerosi fallimenti, ma mostrano che, nonostante questo, con la loro particolare tecnica ci sono stati ottimi risultati anche a distanza di anni, senza che la fuga si ripresentasse, al contrario di quanto si verifica solitamente, e che quindi la chirurgia venosa non è da abbandonare come si crede, bisogna solo farla nel modo giusto. Mi sembra che in uno dei paper che ho linkato (o che forse ho dimenticato di mettere), inoltre, si ritenga che non sempre la fuga venosa sia dovuta a fibrosi dei corpi cavernosi o della tunica albuginea, ma che possa essere dovuta da problemi delle vene stesse; in più, nell'ultimo paper da me indicato, si parla proprio di "vein recurrent or residual", e si ritiene che l'eventuale ritorno della fuga venosa in seguito ad un'operazione chirurgica non sia in realtà dovuto all'apertura di nuove vie di deflusso, bensì alla non sufficientemente scrupolosa eliminazione di tutte le vene problematiche da parte del chirurgo.
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Le segnalo alcune osservazioni:
-non considererei proprio il lavoro Turco perchè si basa sull'embolizzazione della sola vena dorsale;
-gli altri lavori a cui lei fa riferimento fanno capo tutti agli stessi autori, e riguardano una serie limitata di interventi (il terzo link non si apre). Per considerare una procedura come affidabile è opportuno che i dati vengano replicati anche da altri Autori, e con una casistica adeguata.
Da ultimo: in passato sono state attuate legature venose ESTREMAMENTE METICOLOSE con tecnica microchirurgica, da noti esperti mondiali del settore, con invariabilmente fallimenti.
[#4] dopo  
Utente 140XXX

Iscritto dal 2009
In merito alla sua seconda osservazione, è proprio questo che mi lascia sconcertato: nel terzo link, quello che non si apre, gli autori fanno anche un vero e proprio appello a tutti i medici da ogni parte del mondo ad assistere alle loro operazioni per verificare ed eventualmente replicare il loro lavoro. E invece di questa procedura nessuno parla mai, e nessuno ha mai pensato di scrivere un articolo in merito, quantomeno per confermare o smentire i risultati ottenuti da questi medici cinesi. Trovo che la cosa sia molto strana, ma spero vivamente in sviluppi futuri.