Utente 768XXX
Buongiorno, volevo (re)esporre il mio problema, Sono sotto consulto da un sessuologo per un problema di eiaculazione precoce da novembre 2009, ma è dal 2003 che viaggio da Andrologi di mezz'Italia, La "fortuna" è che ho imparato a convivere con questo fastidio, ovvero un forte formicolio sul pene nel momento del rapporto che mi porta ad avvertire l'imminente bisogno di Eiaculare...con L'ultimo rapporto avuto una settimana fa Siamo stati 3 ore a letto, usando la crema Emla le cose sono migliorate, mi sono accorto però che se non sono io a "maneggiare" il mio pene tende ad andare giù, per di piu' se uso il preservativo rimane un po "accartocciato" e non bene aderente al pene.
Ad esempio senza usare il preservativo con la posizione io in ginocchio e lei distesa dove posso vedere il mio pene e la sua vagina le cose vanno bene...se poi passo al missionario si sgonfia ...lo stesso riesco a mantenere l'erezione se facciamo la "pecorina" dove appunto ho la visione ed il controllo delle parti intime sia mie che sue....ma senza Emla avverto formicolii che mi fanno saltare ...... sinceramente dopo tutti questi mesi dal sessuologo mi domando perchè non voglia farmi fare dei test clinici per scansare ogni dubbio...sapete...ho il terrore di avere un uretrite o qualche infezione all'apparato genitale...perchè non vuole farmi fare uno spermiogramma???...e basa tutto su un fatto psicologico??...ho fatto uno spermiogramma nel 2003 ... risultato negativo....ma non sarebbe il caso di indagare di nuovo??...voi cosa consigliereste di fare???.....scusate se ho scritto una tesi..ma volevo essere il piu chiaro possibile perchè non ne posso piu 7 anni di consulti sono troppi per me.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

dalla "tesi" che ci invia (o meglio dalle tesi che ci ha inviato anche in precedenti post) non possiamo pensare se non che il suo andrologo, il suo sessuologo e tutti gli andrologi e specialisti che lei ha consultato abbiano ragione sull'ipotesi "funzionale", cioè psicologica, che causa il suo disturbo.

Detto questo però è pur vero che una rivalutazione completa del liquido seminale generalmente non la si nega a nessuno.

Risenta a questo punto in diretta il suo medico curante, sarà lui a prendere la decisone finale; noi, da questa postazione, poco altro possiamo dirle.

Un cordiale saluto.