Utente 701XXX
inanzitutto vi ringrazio x la disponibilità e x i pareri che offrite ogni giorno riguardo i consulti
mi sono documentato abbastanza riguardo l'eiaculazione precoce ed ho letto che ci sono esercizi..che è tutto un fatto psicologico e che sarebbe meglio farsi visitare di persona da uno specialista. volevo sapere comunque se ci sono delle soluzioni concrete che risolvano questo problema..x esempio non masturbarsi più o farlo in un certo modo...

ringrazio in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
per esperienza professionale gli esercizi danno pochi vantaggi se li danno.
concordo sulla visita specialistica poichè ogni caso è diverso e solo una visita è in grado di chiarire tutti i potenziali aspetti del problema.
al momento l' unico presidio efficiente nella maggior parte dei casi è la dapoxetina associata ad un consulto andrologico e psicosessuologico.
cordialmente
[#2] dopo  
Utente 701XXX

Iscritto dal 2008
la dapoxetina è un farmaco che aiuta a curare o è solo un anestetico che va usato prima dei rapporti?
[#3] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
è un farmaco regolarmente registrato per allungare i tempi, si prende per bocca due ore prima.
a mio parere la eiaculazione prematura non è una malattia ma una condizione fastidiosa su cui si può agire con farmaci.
cordialmente
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile lettore, l'eiaculazione precoce è tra le disfunzioni sessuali più frequenti nell'universo maschile.
Una consulenza uro-andrologica e psico-sessuilogica, diventano necessarie per una corretta diagnosi, non tutte le e.p., sono uguali.E' opportuno diagnosticare le cause psicologiche e, l 'eventuale comorbidità con altre problematiche sessuologiche e non( ansia diffusa, attacchi di panico, stress., pregressi deficiterettivi.....).Un'indagine del suo rapporto di coppia sarebbe necessaria e, dopo orientare la terapia sessuologica e farmacologica.
Le mansioni sessuologiche, o esercizi, le insegneranno a decondizionare il riflesso eiaculatorio ed a procastinare "il punto di non ritorno" della sua eiaculazione, inoltreimpareràacontrollare ed adoperare l'immaginario.

Un caro saluto.
Valeria Randone
catania
sessuologa.