Utente 119XXX
Buongiorno.
Ho 40 anni e ho parecchi capillari sulle gambe, che sento spesso stanche e gonfie (il gonfiore è reale con il caldo, soprattutto la sera, altrimenti è più una sensazione), a volte doloranti. In particolare ho una zona ricca di capillari bluastri e alcune vene in evidenza nella gamba sinistra (emerse durante le gravidanze e peggiorate con la seconda gravidanza conclusa 2 anni fa), anche se ho più dolore e stanchezza nella gamba destra. Sono ricche di capillari in evidenza anche le cosce, ma da un punto di vista estetico mi dà più fastidio la gamba dx(tra ginocchio e caviglia).
Ho consultato un'angiologa che mi ha detto che possiamo trattare il tutto con delle sclerosanti, ma visto che siamo vicini all'estate mi farebbe una seduta a settimana.
Sono un po' perplessa, anche per il costo della terapia.
Ho sottolineato che a me interessa più un discorso di benessere (eliminare i fastidi) che uno estetico, che comunque in parte è presente.
Secondo la dottoressa le sclerosanti non sono solo un trattamento estetico ma soprattutto medico, e quindi avrò molti benefici anche sui fastidi.
Visto che ho letto anche di molte persone non contente della scleroterapia i dubbi sono tanti.
NOn conosco nessuno che ha fatto trattamenti con questa dottoressa.
Come capire se sono in buone mani prima di aver danni e/o aver speso cifre consistenti?
Grazie mille
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,
la scleroterapia delle teleangectasie si propone di conseguire un trattamento per lo più estetico mirando alla eliminazione, o quanto meno all'attenuazione, dei capillari abnormemente dilatati; in alcuni casi si ottiene tuttavia anche un qualche beneficio anche sui sintomi soggettivamente lamentati.
Altro discorso riguarda il trattamento di più importanti tronchi venosi, spesso presenti in maniera concomitante anche se meno evidente, e che vanno opportunamente ricercati e valutati.

Ogni trattamento flebologico (medico, chirurgico, sclerosante, ecc.) dovrebbe essere preceduto da un preciso inquadramento clinico-strumentale effettuato da uno SPECIALISTA, finalizzato alla identificazione delle effettive indicazioni e alla scelta della (o delle) metodica più adatta.

Sulla affidabilità dell'operatore non posso ovviamente esprimermi: vale il discorso di valutare con attenzione se possibile il tipo di formazione e l'effettivo possesso di titoli di specializzazione nel settore vascolare.

Nella sezione MinForma troverà articoli che certamente Le potranno essere utili:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=26739
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42476
http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=52075