Utente 132XXX
Subito dopo un ciclo di propecia (per motivi tricologici)ho avuto una prostatite con emospermia e mi si è ingrossato il testicolo destro (di circa 3 volte il sinistro ) a causa di un idrocele definito dal ecografista di modesta entità.
Il problema tuttavvia è un altro: da allora durante l'eiculazione di fatto emetto poche goccie di sperma. come se la produzione fosse crollata.
Un'altra cosa che ho notato è che durante l'orgasmo sento una pressione dalla parte del testicolo con idrocele.
Ora tuttavia questa senzazione di pressione si affievolità anche se però la quantità di sperma è ulteriormente diminuita.
Stando allo specialista che ho consultato è una cosa fisiologia dovuta all'eta il calo del liquido tuttavia una riduzione a poche goccie del eiculato mi sembra davvero "eccessiva".
Cosa mi consigliate di fare?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

nessuna correlazione tra emospermia e terapia intrapresa.

Il calo della libido e la relativa riduzione dell'eiaculato possono avere invece un appiglio con il farmaco usato.

Aspetti comunque che il prodotto sia completamente metabolizzato e monitorizzi tutta la sua complessa situazione clinica con il suo andrologo di fiducia.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 132XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore mi scuma ma purtroppo ho dimenticato di definire la successione temporale:
nel 2004 ho fatto la terapia di propecia
nel 2005 ho avuto prostatite - idrocele
da circa un anno con andamento graduale riduzione del eiaculato fino a poche gocce ormai
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

se la terapia è stata interrotta nel 2004 allora il farmaco difficilmente può essere invocato come causa dei suoi attuali problemi ed quindi bisogna, senza perdere altro tempo prezioso, consultare o riconsultare in diretta un esperto andrologo per studiare e valutare attentamente tutta la sua reale ed attuale situazione clinica.

Un cordiale saluto.