Utente 153XXX
Salve, sono una ragazza di 27 anni. Lo scorso 6 febbraio sono stata operata d'urgenza per appendicite addominale flemmonosa. L'intervento è durato circa 2 ore perchè il chirurgo ha dovuto togliermi l'infezione già ben estesa nell'addome. Per i successivi 3 giorni ho avuto il drenaggio e all'ospedale mi hanno continuato a dare antibiotici fin quando mi hanno dimessa dopo 5 giorni, continuando con la cura di antibiotici per altri 5 gg. Ad una settimana dall'intervento sono tornata in ospedale per un'ecografia per controllare lo stato dell'infezione e poi il dottore ha deciso di togliermi 2 dei 6 punti..a quel punto s'è aperta la ferita lasciandomi un foro nell'addome della profondità di almeno 4 cm e del diametro d 2 dita. I dottori si sono giustificati dicendo che per il tipo di intervento da me subito, l'80% delle ferite dei pazienti si aprono per far fuoriuscire l'infezione. A distanza di quasi 2 mesi il foro che ho sull'addome s'è quasi chiuso, ma il danno è abbastanza evidente, siccome il taglio è stato fatto vicino alla zone dell'ombelico, adesso con questa cicatrice che ho, sempre che ho un doppio ombelico (la ferita è abbastanza concava). La mia domanda a questo punto è: è stato un errore del dottore che mi ha tolto troppo presto i 2 punti oppure c'è un margine di verità in quello che mi hanno detto?
La dottoressa che fino ad oggi mi ha medicato mi ha detto che in un futuro,per "riparare al danno" potrò ricorrere ad un piccolo intervento di micro chirurgia estetica.
Grazie in anticipo per la vostra risposta
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Premetto che non posso darle un giudizio definitivo non avendo seguito di persona l'accaduto; pero' aver tolto due punti prima degli altri probabilmente nel suo caso e' stata una decisione assolutamente corretta. Questo perche' in caso di infezione e' consigliabile dare alla medesima uno "sfogo" piuttosto che lasciarla ermeticamente chiusa all'interno della sutura. In questo caso anche esteticamente il risultato di questa procedura, magari non entusiasmante, si rivela pero' il migliore possibile compatibilmente con quanto le e' accaduto. E' insomma un'ipotesi ma, visto cio' che lei ha riferito, nemmeno tanto lontana dalla realta'. Fermo restando che come le ha detto la Collega un successivo intervento riparativo sara' sempre possibile.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Grazie dottore per la tempestività della sua risposta.
Avevo bisogno di un chiarimento.
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Bene. Spero di aver risposto a tutte le sue perplessita'...
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Sinceramente trovo sconcertante che Lei possa pensare che "I dottori si sono giustificati"... di averle salvato la vita eliminando l'infezione, come Lei stessa riferisce, "già ben estesa nell'addome" e la cui gravità è resa evidente dalla necessità di applicarLe un drenaggio.

La suppurazione della ferita è una complicanza frequente e scontata nei postumi di una appendicectomia per appendicite acuta flemmonosa (malattia potenzialmente mortale) e la diffidenza da Lei mostrata ("è stato un errore del dottore che mi ha tolto troppo presto i 2 punti oppure c'è un margine (!!!) di verità in quello che mi hanno detto? ") è del tutto ingiustificata.

Come Le è stato già spiegato dal dott Spina, la procedura seguita è del tutto corretta.
[#5] dopo  
Utente 153XXX

Iscritto dal 2010
Non avevo intenzione alcuna di screditare i medici che mi hanno assistita durante e dopo l'intervento sia ben chiaro. Ho chiesto qui dei chiarimenti e delucidazioni in quanto, ogni qual volta ponevo le mie perplessità sul perchè dell'apertura della ferita,i miei dottori, ognuno di loro mi dicevano una cosa diversa..penso chq qualsiasi persona avrebbe ad un certo punto iniziato a pensare che qualcosa forse forse non quadrava. Ed eccomi perchè sono finita su questo sito proprio per chiedere un consiglio utile ad altri specialisti del settore, essendo io ignorante in materia. Già dopo aver letto il messaggio del dott.Spina mi sono tranquillizzata e ho appurato che sfortunatamente, doveva succedere quel che è successo, sena che fosse colpa intenzionaria di qualcuno. Pazienza, questo è tutto.
Porgo le mie scuse se qualcuno si è sentito offeso dalle mie parole riportate in precedenza ma ripeto, non era mia intenzione.
Buona giornata e Felici Pasqua.

Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Nessun problema; del resto mica l'abbiamo operata noi! Lo scopo era semplicemente quello di confortarla spiegandole che chiunque si sarebbe comportato, per il suo bene, così come hanno fatto i Colleghi.
Cordiali saluti e Buona Pasqua anche a lei.