Utente 126XXX
Gent.li dottori, sono un uomo di 36 anni, che in seguito ad un problema di infertilità, si è sottoposto ad un tampone uretrale.
Mi è stato diagnosticata una infezione da clamidia piuttosto severa e mi sono stati prescritti:
CHINOPLUS 6OO 1 cp per 15 gg;
DIFLUCAN 100 1 cp per 15 gg;
XFLOR 1 bustina per 20 gg.
Vorrei gentilmente sapere se è una cura corretta. Inoltre, dopo questi 15 gg, mi rifaranno il tampone per vedere se rispondo bene. Non mi ha convinto molto questa metodologia, mi sembra che procedano un po' a tentativi!?
Grazie per la vostra cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
le linee guida della terapia della uretrite non prevedono l' utilizzo di tali farmaci in prioma istanza, ma come seconda scelta. Ora di qua non si può assolutamente contraddire chi cura patologie ove il riscontro clinico la fa da padrone ed in assenza di esami di riferimento (spermiogrammi, ormoni, ecodoppler scrotale ecc....).
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Grazie dottore per la sua gentile risposta.
Vorrei gentilmente un chiarimento. Se vengono prescritti come seconda scelta non sono dunque errati? Ma sono comunque antibiotici molto forti? che possono provocare altri disturbi? Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Non spno errati per carità, ma esiste indicazione specifica alla scelta di questi o quelli di antibiotici, scelta eseguita dal collega nel corso della visita, valutando i pro ed i contro, prosegua il suo iter con fiducia e sappia dire, se vuole.