Utente 155XXX
vorrei sapere cosa fare . mi è stta diagnosticata un oligoasteniospermia ho fatto uno spermiogramam con questi risultati
spermiocultura negativa
volume 4 leucociti rari spermatozoi 8000 ml, conta totale 32 milioni motilità secondo joel molto rapidamente 0, rapidamente progressiva 5, progressiva ma lenta 15, non progressiva 32, nessuna mobilità 48, morfologia forme tipiche 61, forme atipiche 39, forme giganti 10, teste piccole 15, teste allungate 0, teste piriformi 1, code corte 3, code arrotolate 4, code angolate 6, ho fatto esame varicocele e mi hannop detto che c' è ma è poco, grado 2 con i testicoli uguali e dunque non ha provocato danni. Cosa posso fare? il ginecologo parla di fecondazione assistita. E' unico rimedio per avere un figlio. Mia mogliè ha 36 anni ed è molto preoccupata. Grazieeeeeeee per al vostra risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

prima di arrivare ad impostare una terapia precisa bisogna fare una precisa diagnosi della causa o delle cause che hanno determinato il suo problema.

Bisogna ora sentire in diretta un andrologo con chiare competenze in patologia della riproduzione umana.

Nel frattempo, se desidera poi avere ulteriori informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna una infertilità di coppia, può leggersi anche l’articolo pubblicato dalla collega Chelo sul nostro sito e visibile all’indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=52214.

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

indubbiamente i caratteri del suo liquido seminale sembrerebbero molto alterati e tali da impedire una fecondazione naturale.
Tali dati dovrebbero essere ricontrollati, effettuando uno o due altri esami del liquido seminale, e valutati da un andrologo ( a Caserta non le sarà difficile trovarne di validi) che possa stabilire le possibilità di miglioramento prima di procedere ad un tentativo di PMA che potrebbe avere buoni risultati
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore,

oltre alle corrette indicazioni già ricevute, se desidera poi avere altre informazioni più dettagliate su come e quando utilizzare le tecniche di riproduzione assistita , le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=87497

Un cordiale saluto.