Utente 364XXX
Buongiorno!
Mia madre è stata operata 2 anni fa ha subito un'isterectomia bilaterale con annessiectomia, appendicectomia a causa di un adenocarcinoma ovarico G3 (risultato dell'esame istologico). Ha poi fatto un ciclo di 6 chemio carboplatino e taxolo e in seguito ha sempre svolto i controlli e risultava tutto regolare. Il livello del ca 125 è salito da 5 a 10 a 30 a dicembre 50 a febbraio 82 e ad aprile 100. A febbraio ha fatto 2 tac addome pelvi con mezzo di contrasto, un pap test, una transvaginale ed i risultati sono sempre stati negativi (nonostante il ca 125 fosse 80). A maggio ha fatto la pet total body ed è tutto negativo. Come mai allora il ca 125 sale oltre la norma? gli altri markers sono assolutamente nella norma e anche le analisi del sangue sono perfette.
Grazie mille per l'aiuto. Grazie di cuore!
[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,
ha già probabilmente provveduto, dopo aver eseguito tutti gli esami che ci ha descritto, a tranquillizzarLa il Suo oncologo e pertanto non entro nel merito del Suo caso.
Vorrei fare solo una considerazione generale: il Ca 125 è un marcatore aspecifico serico ( può innalzarsi per la semplice attività mestruale !), i cui valori possono essere elevati non solo in situazioni tumorali ginecologiche e non ginecologiche, ma anche in patologie NON NEOPLASTICHE come epatopatie croniche, pancreopatie o condizioni infiammatorie.
Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
[#2] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2007
In realtà l'oncologo di mia madre ha dato per scontato che ci sia una ripresa di malattia a livello del peritoneo che non viene visto nè nella tac nè nella pet. Lui richiede un nuovo ciclo di chemio carbo taxolo. Al contrario il ginecologo che le ha fatto il pap test e che ha esaminato la tac e la pet e il medico che legge la pet ci hanno detto che non c'è un tumore ma solo uno stato infiammatorio. Non sappiamo a chi credere anche perchè la chemio andrebbe fatta se realmente necessaria (mamma perde i capelli e sta male con lo stomaco) ed è questo che vorremmo capire! grazie ancora!
Giuliana
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non credo che l'oncologo possa parlare di ripresa della malattia solo per un aumento relativamente modesto del Ca 125.
Probabilmente ci sono altre ragioni, che Lei non riporta, per sostenere tale ipotesi.
Uno stato infiammatorio, come sostiene il ginecologo, può giustificare questi valori.
Difficile potere esprimere un parere senza conoscere tutti i dettagli
del caso.
Intanto provveda a fare un ulteriore controllo del marcatore e si affidi con fiducia all'oncologo,che ritengo abbia programmato un nuovo ciclo di chemioterapia, non a cuor leggero , ma a ragion veduta. Perchè dovrebbe farlo senza una ragione consolidata dai controlli strumentali del follow-up ?
Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
[#4] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2007
Egregio dottore, so che effettivamente un medico non può effettuare una diagnosi non conoscendo i dettagli, però Le assicuro che non ho omesso nulla ed è per questo che ho scritto a questo sito: da ignorante in materia mi sono chiesta come mai con un tale quadro clinico e con tanti pareri conformi all'ipotesi dell'infiammazione, un oncologo abbia dato per scontato una ripresa di malattia con ulteriore ciclo di chemio. Per avvalorare quello che Le sto dicendo, Le riporto testualmente i dati risultanti dalle analisi effettate.

TC ADDOME PELVI CON TEMPO UROGRAFICO DEL 15 FEBBRAIO 2007:
"L'esame TC eseguito dopo somministrazione di m.d.c. e con TC MD e tecnica trifasica correlata all'enanchement del parenchima epatico, non ha mostrato lesioni focali solide del fegato e della milza. Regolare il pancreas. Reni in sede, normosecernenti. Non ascite nè linfoadenomegalie retroperitoneali. Vescica distesa, esente da alterazioni parietali. Esiti di isterectomia in assenza di alterazioni densitometriche di carattere patologico in sede pelvica. Liberi i piani annessiali ed i piani perineali. Laparocele mediano in sede mesogastrica mediana. Il tempo urografico post-tc conferma quanto rilevato all'indagine tomodensitometrica".

ESAME CITOLOGICO CERVICO-VAGINALE DEL 5 FEBBRAIO 2007:
Reperto citologico: striscio adeguato. NEGATIVO. Cellule vaginali normali associate con infiammazione. Quadro funzionale ATROFIA
Si consiglia terapia antiflogistica (che nessuno ha detto a mamma di fare prescrivendo nessun antiflogistico!)

ESAMI DEL SANGUE DELL'11 aprile 2007
Glicemia 0.91 g/l
Azotemia 0.30 g/l
CA 19.9 6,27 IU/ml
Alfafetoproteina 4,17 ng/ml
CEA 0,54 ng/ml
CA 15.3 16.66 IU/ml
CA 125 100,40 IU/ml
Transamiasi GOT 16 mU/ml
Tranaminasi GPT 12 mU/ml

PET DEL 18 maggio 2007
Pet globale corporea - TC total body senza mdc
"Le immagini total body ricostruite nei 3 piani ortogonali non hanno evidenziato, nei limiti di risoluzione della metodica (inferiore ai 5 mm), aree di accumulo patologico del radiofarmaco nei segmenti corporei esaminati.
CONCLUSIONI: il quadro pet non mostra aree ad elevato metabolismo glicidico da riferire a tessuto eteroplastico"

Ecco tutto ed ecco perchè, di fronte a tanti esiti TUTTI negativi resto sconcertata di fronte alla richiesta di chemio.
Colgo l'occasione per scusarmi per essere stata prolissa, per ringraziarLa e per porgerLe cordiali saluti!